Unisa, apre lo store

Unisa diventa una griffe. Nella cittadella universitaria di Fisciano apre il primo store di merchandising a marchio Campus Salerno.

Unisa diventa una griffe. Sempre più vicina al modello dei college americani, la cittadella universitaria di Fisciano apre il primo store di merchandising a marchio Campus Salerno.
Prezzi accessibili, qualità e stile decisamente sportivo per la collezione “made in university”che va a rinsaldare lo spirito community dell’ateneo salernitano. Si parte dai 5,90 euro per una t-shirt, 7,90 per una tracolla e 17,90 per una borsa calcio. “Ci voleva, è un simbolo in cui ci riconosciamo” è il commento degli studenti, racconta Gianfranco Lisanti, responsabile dello store e Presidente della cooperativa Hatena che, nel 2007, si è aggiudicata il bando per la gestione del merchandising. “Abbiamo creato una linea sportiva per offrire un’identità alle tante squadre dilettantistiche formate in ateneo – spiega Lisanti – lo shop è un contributo importante per la realizzazione di una polis studentesca e presto nuovi servizi renderanno il campus sempre più autonomo”. Già dalle prossime settimane, infatti, lo store accoglierà un’edicola, con un servizio di consegna porta a porta, previste poi l’apertura di una parafarmacia per la vendita di prodotti da banco e di un tabacchi. Nuovi servizi e opportunità perché l’università è anche un “campus vivendi”.
i.b.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miur, nuove nomine all’Istruzione

Next Article

Istat, 2,7 mln senza posto fisso

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"