Minacce all’Agesci,Melillo:“la Mafia non ci spaventa”

“La mafia va estirpata in ogni sua componente, e noi giovani, a testa alta, non ne abbiamo paura e di fronte alle intimidazioni rispondiamo ai mafiosi a chiare lettere che per ogni terreno che sarà confiscato ai clan siamo disposti ad organizzare una festa ed andare tutti insieme in Sicilia”. Autore di questa dichiarazione è Gianluca Melillo, consigliere vicario del Forum Nazionale dei Giovani, in merito alle intimidazioni ricevute dal pregiudicato Gaetano D’Agosta, figlio del presunto capomafia del clan capeggiato da Francesco D’agosta.
Il figlio del boss infatti non aveva gradito i festeggiamenti da parte di alcuni boy scout di Vittoria per l’assegnazione alla loro associazione di un fondo agricolo con annesso caseggiato di contrada Carnazza che gli era stato confiscato dal Tribunale di Ragusa in applicazione della legge antimafia. Questa la colpa dei membri dell’Agesci – Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani e membro del Forum Nazionale – intimati di andare via dal terreno e di non tornare più in quella proprietà.
“Se questi “signorotti” – ha sottolineati Gianluca Melillo – pensano che le loro intimidazioni possano spaventare il Forum Nazionale dei Giovani e i milioni di giovani che ne fanno parte, hanno sbagliato di grosso. Siamo disposti a guardarli negli occhi e dirgli che la lotta alla mafia è tra le prerogative più importanti di noi ragazzi, e se si pensa di intimidire uno o due persone, per fermarci, la nostra risposta sarà dieci volte superiore”. Gli scout di Vittoria, conclude, “sanno che non sono soli, ma a fianco hanno tutto il Forum. Sappiamo che per sterminare la mafia serve un cambio di cultura, e pensiamo che possa arrivare proprio dalle giovani generazioni”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Elezioni rettori, tra conferme e cambiamenti

Next Article

Scuola, la bacchettata dell'Ocse

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"