Elezioni rettori, tra conferme e cambiamenti

rett.jpgContinua il ricambio ai vertici negli atenei italiani. Sono arrivati ieri i dati definitivi che riguardano tre atenei: il Politecnico di Torino, che conferma il rettore Francesco Profumo anche per il quadriennio 2009-2013 e il Politecnico di Bari e la Ca’ Foscari di Venezia con due volti nuovi.
Politecnico di Bari. Nicola Costantino, 58 anni, è il nuovo rettore del Politecnico di Bari. Professore ordinario di Ingegneria Economico-Gestionale, ha raggiunto il numero di voti necessari prevalendo sugli altri tre candidati alla carica. Succede a Salvatore Marzano che ha retto il Politecnico dall’1 ottobre del 2003. Costantino è stato Prorettore del Politecnico di Bari dal 1999 al 2002. Dal 2003 al 2005 è stato preside vicario della prima Facoltà di Ingegneria.
Ca’ Foscari, Venezia. Carlo Carraro è il nuovo rettore dell’Università Cà Foscari di Venezia per il triennio 2009-2012. Carraro ha raggiunto la maggioranza assoluta con 325,25 voti ponderati già nella prima tornata. Carraro è professore ordinario di econometria. Dopo aver conseguito il dottorato in Economia all’Università di Princeton, ha insegnato nelle Università di Parigi I, di Udine e alla Clemson University. È stato visiting professor all’ l’University College of London, alla Luiss di Roma, e in altri prestigiosi atenei europei. Nel 2007, come Lead Author del Ipcc – Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici -, ha ricevuto dal Governo italiano il riconoscimento per il contributo dato al conseguimento del premio Nobel per la Pace assegnato all’Ipcc e ad Al Gore.
Politecnico di Torino. L’Ateneo ha confermato la fiducia al rettore uscente, Francesco Profumo, eleggendolo con oltre il 65% dei consensi al terzo turno di votazioni. Professore ordinario di Macchine e azionamenti elettrici, Profumo, 56 anni, si è laureato al Politecnico di Torino nel 1977. Dopo un’esperienza di 6 anni all’Ansaldo di Genova, nel 1984 si è trasferito al Dipartimento di Ingegneria elettrica industriale del Politecnico di Torino, dove è stato professore associato per dieci anni. Professore incaricato all’università di Bologna, è stato Visiting Professor al Dipartimento di Ingegneria elettrica dell’University of Wisconsin-Madison (USA) nel periodo 1986-89, al Dipartimento di Ingegneria elettrica della Nagasaki University nel periodo 1996-97 e al Dipartimento di Ingegneria elettrica della Czech Technical University-Prague nel 1999.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'istituto Quasar offre borse per studenti del centro-sud

Next Article

Minacce all’Agesci,Melillo:“la Mafia non ci spaventa”

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".