PRIMA PARTORISCE IN AUTO E POI DA' ESAME IN OSPEDALE

Forse è proprio vero: insegnanti si nasce. E’ quello a cui si pensa leggendo la storia di una neo mamma che l’altro giorno a Bolzano ha prima partorito in auto e poi  sostenuto l’esame per l’abilitazione all’insegnamento.
La “mamma sprint” voleva partorire all’ ospedale di Merano, ma la bimba aveva ancora più fretta ed è nata durante il tragitto lungo la superstrada Mebo. A questo punto la neomamma ha chiesto di spostare l’esame che doveva sostenere poche ore dopo, e la commissione è andata in ospedale. La donna ha superato l’esame con 96-100, come raccontano i media di Bolzano.
Doppi auguri, alla mamma-insegnante e alla piccola.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

SFIDA DI ROBOT NELL'ARENA DI... PISA

Next Article

Scuola, la proposta di Poletti: "Un mese di vacanza in estate"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.