India, universitario ferisce con l’ascia una compagna e poi si suicida

studente indiano suicida

Studente indiano si suicida Uno studente dell’Universita’ centrale di New Delhi (Jnu) ha aggredito, ferendola gravemente con un ascia alla testa e al corpo, una ragazza di cui si diceva amico e poi si e’ suicidato ingerendo un potente insetticida e tagliandosi la gola, fra l’orrore di alcuni studenti presenti.

La tragedia di cui sono stati protagonisti Aakash Kumar, 23 anni, e Roshni Gupta di 22, entrambi studenti di lingua coreana, e’ riferita oggi con evidenza dalla stampa indiana che paragona l’episodio a quelli che spesso avvengono nei campus statunitensi. Secondo The Times of India, i due si frequentavano da qualche tempo, ma la loro relazione si era deteriorata, come e’ emerso da una lettera lasciata dallo studente convinto di essere ormai ”oggetto di derisione” da parte della ragazza.

Cosi’ ieri il giovane e’ entrato in classe con uno zaino all’interno del quale aveva collocato una pistola, un coltello, un’ascia e un potente veleno. Terminata la prima ora di lezione, e dopo aver allontanato dall’aula il professore con uno stratagemma, Aakash ha estratto la pistola puntandola contro Roshni. Ma l’arma non ha funzionato. Allora ha estratto l’ascia con cui ha colpito violentemente la ragazza alla testa alle spalle ed al petto, lasciandola in una pozza di sangue. Quindi, senza che nessuno dei pochi presenti intervenisse, il giovane ha ingerito un potente insetticida e si e’ tagliato la gola, pronunciando solo la frase: ”Sto morendo”. Incredibilmente la giovane e’ stata respinta da un primo ospedale di New Delhi (Aiims) ed accettata invece nel Safdarjung Hospital, dove e’ ricoverata in gravi condizioni

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scrive una tesina e la invia a Piero Grasso. Il Presidente del Senato ringrazia

Next Article

Corsica, Salento e Croazia, le mete più ricercate su google

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".