Indesit investe sulle pari opportunità

Indesit ha ricevuto uno speciale riconoscimento per il suo ruolo attivo e innovativo nell’ambito del progetto “Conoscenza, motivazione, lavoro – donne e carriera nella città di Lodz”. Ad essere coinvolte 80 donne disoccupate che hanno preso parte a seminari, corsi di formazione, workshop, gruppi di lavoro e counseling in diversi settori professionali organizzati per agevolarne l’inserimento nel mercato del lavoro.
E’ Indesit Company l’azienda più attenta alle pari opportunità, nell’ambito del programma “Conoscenza, motivazione, lavoro – donne e carriera nella città di Lodz”. A cofinanziare il progetto l’Unione Europea e il Fondo Sociale Europeo, con l’obiettivo di incrementare il livello di occupazione femminile nella regione, sostenere le pari opportunità e contrastare l’esclusione sociale e professionale delle donne dal mercato del lavoro.
“Alla fine del 2006 – sottolineano dalla azienda – le donne rappresentano circa un terzo dei dipendenti di Indesit Company: su oltre 17.000 persone in tutte il mondo infatti il 30% è costituito da donne. La presenza femminile a livello di management aziendale è cresciuta dall’8% nel 2005 al 14% nel 2006.
Alla Indesit, infatti, la gestione delle “diversità” è una fonte che genera valore e si alimenta con continui processi di conoscenza, integrazione e scambio tra persone appartenenti a culture ed etnie differenti. “Indesit non solo non ha mai praticato discriminazioni tra i suoi dipendenti – precisa l’azienda – in base a sesso, religione, credo politico o cultura, ma ha anche scelto e sviluppato un percorso di internazionalizzazione fondato sul rispetto, la conoscenza e la comprensione delle culture e delle differenze delle persone e dei territori nei quali è presente”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Specializzarsi in Contratti d'Impresa con il Master Ipsoa

Next Article

Accademia di Comunicazione, culla del Master eccellente

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"