In quanti anni di lavoro si ripaga una laurea? Dipende in base a dove vivi

Immaginiamo Francesco e Lorenzo, due compagni di banco che al termine del percorso di studi superiori decidono di intraprendere strade diverse. Il primo sceglie di lavorare subito, mentre il secondo preferisce iscriversi ad un corso di laurea e quindi sarà occupato con tre anni di ritardo.
Posto che un diploma universitario permetterà a Lorenzo di avere uno stipendio migliore, quanto tempo dovrà passare prima che il suo reddito complessivo raggiunga quello di Francesco? Cioè, detta in altre parole, in quanti anni di lavoro si ripaga una laurea?
Precisiamo da subito che non è possibile dare una risposta univoca alla domanda poiché le variabili sono troppe e spaziano dal genere dei soggetti (le donne – purtroppo – guadagnano nei fatti molto spesso meno dei maschi a parità di impiego), della scelta del corso di laurea/diploma, delle spese necessarie allo studio, dalla tassazione, della diversa occupabilità di un diplomato rispetto ad un laureato, dalla progressione di carriera, dalle opportunità d’impresa, di lavoro autonomo e professionali, eccetera. E inoltre l’arricchimento culturale, di esperienze e di competenze che un percorso universitario fornisce alle ragazze e ai ragazzi è impareggiabile e non può essere valutato solo in termini monetari.
Tuttavia per cercare di individuare un valore approssimativo che possa dare un’idea della situazione dal solo punto di vista economico abbiamo preso in considerazione i dati Istat relativi agli stipendi orari lordi dei lavoratori dipendenti nel 2016.
Abbiamo considerato un soggetto impiegato a tempo pieno, che sia perciò occupato 8 ore al giorno per 220 giorni all’anno, con il reddito lordo mediano. Ebbene, ciò che emerge da questa simulazione è che se Francesco e Lorenzo abitassero a Milano o Roma, a quello laureato basterebbero meno di dieci anni dal momento dell’ingresso nel mondo del lavoro per aver guadagnato, complessivamente, come il primo.
Tuttavia la ripartizione geografica rivela anche numerose sorprese (negative): se i due fossero residenti altrove, spesso non basterebbe una vita lavorativa intera a Lorenzo per colmare il gap con Francesco. In questa non invidiabile classifica il podio è occupato da Viterbo (77 anni di lavoro), Imperia (65) e Campobasso (56).
La media italiana è poco più di 15 anni, anche se fa più impressione dire che il reddito cumulato di chi prosegue gli studi supererà quello del diplomato dopo ben quasi 27mila ore. Di lavoro, s’intende.
Il calcolo è effettuato partendo dal differenziale di stipendio il quale, come detto, è sempre a favore del laureato (la media nazionale è di 2.27€ lordi all’ora); questo valore è in molte province è talmente stretto che non sarebbero appunto sufficienti decenni di lavoro per recuperare i soli tre anni di studio universitario.
E se il tempo passato in aula fosse di più? Istat non ci dice quale sia la differenza nel reddito tra laurea triennale, magistrale e dottorato. Però nella nostra infografica interattiva potete incrementare il numero di anni e stimare la percentuale di reddito in più che un percorso accademico più lungo potrebbe darvi; oppure, lasciando a zero la percentuale, quanto un ritardo rispetto al piano di studi vi toglierebbe. Fosse anche solo per motivi di denaro, quindi, a Lorenzo converrebbe (e molto) laurearsi in corso.
(Sole24Ore)

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità, studenti: "Preoccupati se seconda prova mista. Noi poco informati"

Next Article

Maturità, on line esempi di tracce per la prima prova scritta

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.