In piazza contro il Ddl

Martedì 30 novembre, data in cui il Ddl Gelmini potrebbe essere approvato. A Napoli tutte le compagini delle università scendono in piazza con il corteo organizzato dalle associazioni studentesche

Quella che si prevede per domani è una giornata molto movimentata in tutta Italia. E’ martedì 30 novembre, data in cui il Ddl Gelmini potrebbe essere approvato.
Negli atenei della campania, in protesta già da mesi, le iniziative saranno capitanate dal corteo “Stanno approvando la riforma Gelmini? Blocchiamoli!”. Organizzato dalle associazioni studentesche, partirà da Piazza del Gesù Nuovo alle ore 09.30 e si sposterà nelle maggiori strade e piazze della città. Alle 10.30 si proseguirà in via Rodinò 22 presso la facoltà di scienze politiche della Federico II dove si terrà un dibattito pubblico intitolato “L’Università che vorrei. Confrontiamoci sulla riforma Gelmini” in cui, oltre agli studenti, interverranno docenti e ricercatori di tutti gli atenei ed inoltre figure della politica regionale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Camorra e vittime innocenti

Next Article

Dottorato a Hong Kong

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.