In memoria di Francesco Salerno

Il 13 gennaio si terrà un incontro in memoria del professor Salerno dal titolo “Le aggressioni all’ambiente. Reazioni sociali e soluzioni giuridiche”.

Presso l’università di Salerno giovedì 13 gennaio si terrà un incontro di studio in memoria del professore Francesco Salerno dal titolo “Le aggressioni all’ambiente. Reazioni sociali e soluzioni giuridiche”.

Il seminario, organizzato dalle cattedre di istituzioni di diritto romano e di diritto romano in collaborazione con la Rivista online Teoria e Storia del Diritto Privato e con la Associazione di Teoria Storia e Sociologia delle Istituzioni Giuridiche (ATSSIG), gode del patrocinio del dipartimento di diritto pubblico generale e teoria delle istituzioni d’ateneo e della Provincia di Salerno. A partire dalle ore 09.00 nell’aula delle lauree Nicola Cilento, esponenti del mondo accademico affronteranno i delicati temi della tutela ambientale tanto in pericolo negli ultimi decenni e, in particolar modo, avvieranno una discussione multidisciplinare che partirà dal modo di sollevare la questione ecologica nel mondo antico fino alla moderna era industriale.

La giornata sarà, inoltre, l’occasione per celebrare l’assegnazione del Premio “Ottopagine” e del “II Premio Rotary per l’Ambiente-Francesco Salerno”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Decleva, presto l'Anvur

Next Article

Radici europee

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.