Decleva, presto l’Anvur

Tra le priorità del 2011 c’è l’avvio operativo dell’Anvur. Così il presidente della Crui, Enrico Decleva ridisegna l’agenda del nuovo anno. «Manca, ma dovrebbe essere questione di settimane, se non di giorni – ha osservato in un’intervista a Il sussidiario.net – la nomina da parte del ministro del relativo Comitato con il conseguente avvio della struttura organizzativa che dovrà assicurarne il funzionamento».

Per l’università inoltre si pone il problema del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) per il 2012 e il 2013. «Ci sono poi tutti i decreti e i regolamenti di competenza del Ministero. Circa una quarantina, e cioè non pochi. Anche se di peso e di complessità molto disuguali. Alcuni sono urgentissimi, anche per dimostrare che si fa sul serio, a cominciare da quelli indispensabili per avviare le procedure di abilitazione. Ma non è meno indispensabile mettere quanto prima gli atenei, che devono a loro volta avviare la revisione dei rispettivi statuti, nella condizione di conoscere i criteri di ammissione all’eventuale sperimentazione di particolari modelli funzionali e organizzativi in deroga, come previsto, alle disposizioni della legge».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tesi di laurea sull'Africa

Next Article

In memoria di Francesco Salerno

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.