In Italia è realtà ponte ultraveloce in fibra ottica per la ricerca

E’ nato in Italia il primo ponte ultraveloce in fibra ottica destinato a mettere il turbo alla circolazione di grandi quantità di dati. E’ primo passo verso il più grande polo calcolo scientifico nel nostro Paese ed è nato con il collegamento fra i due principali centri di calcolo dedicati alla ricerca: il centro LHC-Tier1 presso il Centro nazionale di calcolo (Cnaf) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) di Bologna e quello di supercalcolo del Cineca (Consorzio interuniversitario di calcolo), a circa 10 chilometri di distanza. 
Il collegamento che li unisce permette di trasmettere fino a 1,2 Terabit per secondo e il tempo di collegamento è così rapido che ormai i due centri sono l’uno l’estensione dell’altro. “Questa connessione anticipa l’obiettivo strategico di mettere a stretto contatto la comunità del supercalcolo e quella della gestione di grandi quantità di dati, sempre più interdipendenti tra loro”, ha osservato il direttore del Cnaf, Gaetano Maron. 
L’unione dei due centri in quello che è destinato a diventare il più grande polo di calcolo scientifico della ricerca italiana, sarà completa entro il 2021, quando entrambi saranno trasferiti nel Tecnopolo di Bologna, destinato a diventare la nuova sede anche del Centro europeo per le previsioni meteorologiche (Ecmwf, European Centre for Medium-range Weather Forecast).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pestaggio a scuola, quattro nel mirino: “Lesioni aggravate”

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 12 aprile

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".