In classe con la sorellina di pochi mesi: l’immagine della studentessa babysitter fa il giro del web. Un ministro le pagherà gli studi

Meiningsinliu Pamei, studentessa indiana, è costretta a portare a scuola sua sorella perché i genitori lavorano nei campi e non possono prendersi cura di lei. L’immagine che la ritrae in classe a seguire le lezioni mentre culla la sorellina ha scatenato una grande gara di solidarietà con donazioni e aiuti alla sua famiglia.

A scuola nonostante la necessità di prendersi cura della sorellina visto che i genitori sono impegnati a lavorare. Gara di solidarietà in India, dopo la comparsa su Twitter della foto di un’alunna che ha intenerito l’intero Paese. L’immagine, pubblicata da un ministro del Manipur, Thongam Biswajit Singh, ritrae una bambina di dieci anni, Meiningsinliu Pamei, che a scuola, mentre segue le lezioni, tiene in grembo la sorellina di pochi mesi.

“La dedizione di questa bambina, che non rinuncia a studiare, ma nello stesso tempo aiuta i genitori che lavorano nei campi, è un esempio per tutti noi”, ha twittato il ministro.

L’immagine, condivisa migliaia di volte sulla rete, ha scatenato una corsa alla solidarietà: uno dei ministri del Manipur si è impegnato a finanziare personalmente gli studi di Meiningsinliu, mentre l’associazione degli studenti Rongmei Naga Student Organisation ha visitato la casa della famiglia e ha donato 10mila rupie, l’equivalente di 125 euro). Il governo ha inviato gli assistenti sociali per fornire provviste e inserire la bambina e i suoi genitori in un programma di sostegno per le famiglie svantaggiate.

LEGGI ANCHE:

Total
5
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ucraina, le iniziative degli atenei italiani per aiutare i profughi

Next Article

Stipendio docenti, ad aprile l'aumento sarà tra i 3 e i 10 euro. Sindacati all'attacco: "È solo una mancia"

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.