In aumento le confessioni: è “l’Effetto Francesco”?

papa francesco

Aumentano i fedeli che partecipano alle messe e alle confessioni, nel primo mese di pontificato del nuovo Papa.

Il Centro Studi sulle Nuove religioni (CESNUR), che ha effettuato lo studio, lo ha definito “l’effetto Francesco”, ma non è da escludere che anche la crisi abbia giocato un ruolo fondamentale nel riavvicinamento delle persone alla Chiesa.

Il professore Introvigne, che ha curato l’indagine, però, ha dichiarato: “L’aumento non può essere attribuito al fatto che la gente va di più in Chiesa durante il periodo pasquale o perché c’è la crisi economica”. Si parla di un aumento definito consistente nel 43,8% dei casi.

Introvigne ha spiegato: “Su un campione di duecento sacerdoti e religiosi, il 53% ha affermato di avere riscontrato nella propria comunità un aumento delle persone che si sono riaccostate alla Chiesa o si confessano. Queste persone citano esplicitamente gli appelli di papa Francesco come ragione del loro riavvicinamento alla pratica religiosa”.
Lo studio del CESNUR si è basato sulla diffusione di un questionario a cascata su Facebook e Twitter, concentrandosi su gruppi frequentati da cattolici.

L’effetto Francesco, però, sembra aver avuto delle ripercussioni- anche se meno evidenti- anche sui laici.
“Da una stessa indagine su un campione di 500 laici abbiamo notato come l’effetto Francesco  si percepisca di meno, ma un significativo 41,8% dei laici si è accorto dell’effetto, che sembra dunque essere visibile”.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il tuo smartphone ti osserva e studia cosa fai e cosa pensi

Next Article

Sociologi: più felici se si fa più sesso dei vicini

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.