Il whisky propulsivo come energia verde

Chi ha detto che l’alcol fa male? E se rappresentasse una forma di energia alternativa…

Chi ha detto che l’alcol fa male? E se rappresentasse una forma di energia alternativa? Ecco arrivare dalla patria del Johnnie Walker, una ricerca sul “whisky propulsivo”. L’Università Napier di Edinburgh ( John Napier, fu l’inventore scozzese dei logaritmi) ha brevettato un innovativo biocarburante che può essere utilizzato in ogni macchina senza specifici adattamenti. Il prodotto  è stato sviluppato dal Biofuel Research Centre dell’ateneo scozzese, per oltre due anni, mediante l’analisi dei materiali di scarto che si ricavano dalla distillazione del whisky. In particolare, dalla distilleria Glenkinchie, situata nella cittadina di Tranent.
Durante il processo di produzione del whisky, si generano due sottoprodotti, residui del processo di distillazione, utilizzati come base per il butanolo che può essere usato come carburante. L’Università pianifica la realizzazione di una compagnia start-up per promuovere il carburante sul mercato.
Il prof. Martin Tangney, direttore del Biofuel Research Centre e responsabile del progetto ha affermato: “ L’EU ha dichiarato che il biocarburante dovrebbe arrivare a un 10% di vendite per il 2020. E’ necessario trovare un’azienda che lo distribuisca. La soluzione più realistica, continua il professore, potrebbe essere una miscela solvente, composta da un cinque o dieci per cento di biocarburante, unita al petrolio o al diesel. Un cinque , dieci per cento che potrebbe fare la differenza da un punto di vista ambientale”.
Nuove risorse per l’ambiente dunque e per l’economia verde.
Il centro di ricerca ha lavorato con i più grandi produttori di whisky per sviluppare il processo del neonato bio carburante. Il progetto è stato finanziato dal Scottish Enterprise’s Proof of Concept programme, agenzia per l’impresa, innovazione investimenti, che facilita la pre commercializzazione delle tecnologie emergenti, provenienti dale Università e centri di ricerca. Aiuta i ricercatori ad esportare le proprie idee ed invenzioni dal laboratorio al mercato globale, creando così  importanti e sostenibili risorse per la Scozia. Lena Wilson, amministratore delegato della Scottish Enterprise afferma: “Questa ricerca pioneristica testimonia il livello della ricerca in Scozia e la capacità aziendale di trasformare il sapere scientifico  in una nuova sostenibile crescita economica per la Scozia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Simposio internazionale di Acinetobacter a Roma Tre

Next Article

Addetto junior e senior per compagnia aerea

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.