Il vaccino è di tendenza tra i giovani: boom di prenotazioni in 24 ore per la fascia 16-29

Anche al Sud dove la campagna vaccinale per gli over 80 era andata a rilento la prima risposta supera le migliori aspettative

Anche al Sud dove la campagna vaccinale per gli over 80 era andata a rilento, la prima risposta degli under supera le migliori aspettative

I giovani sono un passo avanti, verrebbe da dire usando un vecchio slogan. Anche sui vaccini. Piemonte, Lombardia e Veneto, ma anche al sud con Sicilia e Campania, regioni che avevano faticato a convincere gli over 60, soprattutto sull’onda dei dubbi che erano stati sollevati, e poi fugati, su Astrazeneca.

IL BOOM

Il primo giorno di prenotazioni per le fasce più giovani ha fatto registrare un’ottima risposta, anche superiore alle aspettative. E pur essendo un dato da prendere con le molle, ancora molto parziale vista l’assenza di diverse regioni, si superano comunque gli auspici migliori. I ragazzi non hanno dubbi, e forse anche complici le vacanze, ma senz’altro soprattutto l’assunzione di responsabilità, hanno mandato il loro segnale forte.

I NUMERI

In Lombardia 473.237 prenotazioni la maggior parte tra i 20 e i 29 anni ma bene (145.650) anche tra i 16 e 20 anni. Si tratta di oltre il 25% dei 1,75 milioni che ha deciso nelle prima giornata di aderire alla campagna. Stessa percentuale i Piemonte con 118mila adesioni nella fascia 16-29 anni su 561mila aventi diritto. Corrono anche il Veneto, che ha superato il 30% ma pure la Sicilia, che con la Calabria era stata la peggiore tra gli over 80, e la Campania, rispettivamente 120mila quasi 189 mila prenotazioni. La Calabria stessa è andata a 60 mila in 4 ore.

Total
36
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Napoli, la Federico II spegne 797 candeline e premia gli studenti da 30 e lode: sabato la cerimonia

Next Article

Educazione ambientale, mense a Km 0 e stop alla plastica: ecco il piano del Ministero per colorare di green le scuole

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.