Napoli, la Federico II spegne 797 candeline e premia gli studenti da 30 e lode: sabato la cerimonia

Il 5 giugno l’ateneo napoletano premierà gli studenti più meritevoli per festeggiare i 797 anni dalla sua fondazione. In tutto sono 76 e riceveranno un premio da 500 euro.

Saranno 76 i meritevoli federiciani premiati nel corso della cerimonia che si terrà sabato 5 giugno nell’Aula Magna Storica dell’Università Federico II di Napoli nell’ambito dei festeggiamenti per i 797 anni dell’ateneo. Sei dei 76 studenti saranno presenti in rappresentanza di tutti gli studenti premiati (a cui andrà un premio di 500 euro) che saranno collegati sulla piattaforma zoom. Ad accoglierli il rettore Matteo Lorito con i presidenti delle Scuole federiciane Stefano Consiglio, Giuseppe Cringoli, Antonio Moccia e Maria Triassi. .

I sei meritevoli, a cui andrà un premio di 500 euro, saranno Giuliano Giacobelli, del corso di laurea in Biologia; Gianluigi Galasso, del corso di laurea in Chimica; Vincenzo Leonardi, del corso di laurea in Lingua e letterature moderne europee; Ciro Gaita, del corso di laurea in Giurisprudenza; Iolanda Pavone, del corso di laurea in Ingegneria biomedica; e Vittoria Grande, del corso di laurea in Economia e commercio.

Saranno loro a introdurre i laureati illustri che sono Franca Leosini, giornalista e conduttrice televisiva; Teresa Fornaro, ricercatrice Istituto nazionale di astrofisica – Osservatorio astrofisico di Arcetri, Firenze; Francesca Santoro, principal investigator all’Istituto nazionale di tecnologia di Napoli, direttrice del Tissue Electronics Lab; Maria Rosaria Capobianchi, direttrice della Uoc Laboratorio di Virologia e del Dipartimento di Epidemiologia, Ricerca Preclinica e Diagnostica Avanzata, Istituto nazionale per le malattie infettive (Inmi) Spallanzani; Giovanni Melillo, Procuratore aggiunto della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli; e Fabrizio Freda, CEO del colosso della cosmesi Estée Lauder.

“Quest’anno celebriamo i 797 anni dall’atto di fondazione della Federico II. Un Ateneo che ha come particolarità una data di fondazione certa e un fondatore certo, l’imperatore Federico II, un uomo visionario le cui intuizioni sono ancora valide oggi – ricorda Lorito – Le celebrazioni di quest’anno si estendono su due giorni e contemplano numerose iniziative tra cui la premiazione degli studenti più bravi, come lo stesso Federico indicava nella sua lettera fondatoria”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

E-Learning e Didattica a distanza: al via una borsa di studio da 2mila euro

Next Article

Il vaccino è di tendenza tra i giovani: boom di prenotazioni in 24 ore per la fascia 16-29

Related Posts