Il test di medicina non è stato abolito

Il test di medicina non è stato abolito – C’è chi parla di addio ai test d’ingresso e chi di una vittoria fondamentale per gli studenti. Le parole del ministro Giannini continuano a fare discutere. Ma c’è bisogno di chiarezza.

Nel question time di ieri mattina, organizzato per un confronto con professori, studenti e lettori, Stefania Giannini ha fatto chiarezza, rispondendo ad una precisa domanda di uno studente: “Intendo rivisitare il sistema di selezione, prendendo a modello il sistema francese (accesso al primo anno libero e selezione alla fine di esso su base meritocratica). Entro la fine di luglio formulerò la proposta e le nuove regole”.

L’unica cosa certa, quindi, è che ci saranno novità per l’anno prossimo: “E’ certo che sarà modificato nella direzione che sa: modello francese o suo adattamento al contesto italiano. Credo che sia un cambiamento importante e necessario”. Nessuna ufficialità, quindi, né annunci da stampare a caratteri cubitali sui giornali. Il test di medicina non è stato abolito: a luglio verrà presentata una proposta, se ne discuterà e, solo successivamente, si potranno sapere le cose in maniera molto più precisa.

Annunciare modelli o sistemi diversi da quello attuale rischierebbe solo di forviare gli studenti e la loro preparazione. Di certo, il ministro ha annunciato con estrema chiarezza la volontà di un cambiamento radicale, ma da qui all’ufficialità ne passerà ancora tanto di tempo. Quindi, cari ragazzi, state tranquilli e rimanete con i piedi per terra. A luglio, finalmente, sapremo la verità.

LEGGI ANCHE

Test d’Ingresso, ecco le assegnazioni: cosa significa “assegnato” e “prenotato”?

Graduatorie Test Medicina, ecco i risultati ufficiali: crolla la soglia d’ingresso

Pubblicate le graduatorie del Test di Veterinaria

Test d’ingresso – Ecco la graduatoria di Architettura: si passa con 29,80 punti

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cnr-Ifac: 9 borse di alta formazione da 18 mila euro l'una per giovani ricercatori

Next Article

Restauratori senza titoli e nemmeno abilitazione

Related Posts
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.
Leggi di più

Mai avvolgerla nella plastica o tenerla in tasca: ecco i consigli degli esperti per l’utilizzo della Ffp2: “Se non riceve umidità può durare fino a 40 ore”

Obbligatoria per viaggiare sui mezzi di trasporto e necessaria anche per seguire le lezioni in classe o andare al cinema: la mascherina Ffp2 è uno strumento con il quale stiamo familiarizzando sempre di più in queste settimane. Conservarla correttamente è indispensabile per poterla utilizzare per più di un giorno. "Mai indossarla sopra a una chirurgica".