Restauratori senza titoli e nemmeno abilitazione

restauratori

 

Continua l’epopea per gli aspiranti restauratori che stanno per ottenere il titolo grazie alle scuole di alta formazione. Gli istituti, infatti, per quanto riconosciuti dal Miur, al momento non possono fornire ai loro iscritti un titolo di studio utile alla partecipazione ai concorsi pubblici e all’esercizio della professione. Una situazione che si sarebbe dovuta risolvere in pochi mesi dopo il varo, nel 2009, di questo genere di corsi di specializzazione, ma che ad oggi risulta ancora bloccato a causa di lungaggini burocratiche, con buona pace dei futuri iperspecializzati e disoccupati aspiranti restauratori.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2014/05/21SIJ3120.PDF

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il test di medicina non è stato abolito

Next Article

Farmindustria: pronti ad assumere 1.500 laureati

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.