Il Suor Orsola è eco-friendly

eco-friendly.bmpTra i molti vanti che la prestigiosa Università di Napoli Suor Orsola Benincasa può attestare, oggi compare la voglia di salvare il nostro pianeta, una pretesa di non poco conto che l’ateneo illustrerà mercoledì 13 gennaio alle ore 16.30.
Ventitré studenti del corso di laurea in Scienze delle Comunicazioni, presenteranno cinque progetti no profit, replicabili, finanziabili a costi ragionevoli creati appositamente per zone della Campania allo scopo della salvaguardia dell’ambiente. La realizzazione dei progetti è il risultato della visione antispreco dell’Albero Vagabondo: un’iniziativa realizzata dall’Associazione culturale “Giovanni Spiniello” diretta ad azioni di effettiva bonifica di tutti i sistemi a rischio.
I progetti nello specifico tratteranno tra gli altri l’inquinamento del Parco delle Colline di Napoli, pulizia del litorale domizio, giornate dedicate al riciclo con visite nelle scuole, esposizione di opere costruite con materiale riciclato e inoltre, la realizzazione di un giornalino sulla raccolta differenziata fatto da bambini di una scuola elementare di Giugliano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuova vita alla medicina salernitana

Next Article

Sentenza giusta al Tar

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.