Il ruolo della donna nel mondo del lavoro. Una borsa di studio per la miglior tesi

Schermata 2013-01-23 a 13.38.49

La Camera di Commercio di Campobasso rende nota la proroga per il termine di presentazione delle domande di adesione al concorso per la migliore tesi di laurea quinquennale, ad indirizzo economico, sulla valorizzazione della donna nel mondo del lavoro.

C’è tempo quindi fino al 31 gennaio per partecipare alla borsa di studio dell’importo di 4mila euro alla quale possono aderire laureate che hanno conseguito la laurea dall’1 giugno 2011 al 15 dicembre 2012 con voto finale minimo di 105/110.

Il Concorso offre alla vincitrice la possibilità di formarsi nell’ambito delle attività di supporto e promozione dell’imprenditorialità femminile, collaborando (per un periodo di sei mesi) con la Segreteria del Comitato per l’Imprenditoria Femminile (CIF) della Camera di Commercio di Campobasso.

Per partecipare al concorso è necessario inviare  alla Camera di Commercio di Campobasso la domanda da compilare utilizzando l’apposito modulo disponibile sul sito www.cb.camcom.it.

 

Giovanni Torchia

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Mio padre mi frusta". Rivelazione shock di un ragazzino alla sua classe

Next Article

A Milano incontro sulle start up: come trasformare le idee in lavoro

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.