Il posto fisso è sacro anche in Cina: boom di partecipanti al concorso per un contratto pubblico

Si chiama “guokao” ed è l’esame per ottenere un posto da ministeriale in Cina. Si sono presentati in 1,5 milioni di giovani per 25mila posti disponibili.

“Il posto fisso è sacro” diceva l’onorevole Lino Banfi a un dubbioso Checco Zalone in “Quo Vado?”, indeciso se accettare la tanto cara buonuscita oppure resistere incollato alla sua poltrona statale. Magari in Cina non conosceranno Zalone e i suoi film ma di certo l’appeal del contratto a tempo indeterminato in un ente pubblico, meglio se un Ministero, sembra essere lo stesso anche ad oriente.

La conferma arriva dal mega concorso pubblico che si sta svolgendo in Cina: si chiama “guokao” ed è l’esame per ottenere un posto da ministeriale o dipendente di un’agenzia governativa in Cina. Quest’anno si sono presentati 1,58 milioni di giovani per 25.700 posizioni messe in palio. Significa che solo uno su 61 ce la farà. Numeri non certo incoraggianti soprattutto se si mettono a confronto con quelli che riguardano il settore privato che dà lavoro all’80% della popolazione urbana attiva.

Quasi vent’anni fa erano stati solo 125 mila gli aspiranti ministeriali, perché allora la maggior parte dei diplomati e laureati cinesi puntava ad entrare in un’azienda privata. Ma molti evidentemente si sono scoraggiati anche guardando i ritmi folli da dover sostenere se comparati magari agli stipendi non proprio stellari: lavorare dalle 9 del mattino alle 9 di sera per 6 giorni a settimana.

Anche lo stipendio è competitivo: un funzionario pubblico a livello esecutivo può guadagnare 14.000 yuan al mese (1.700 euro), mentre un diplomato in scienza dei computer ap-pena assunto arriva in media a 6.850 yuan, dicono statistiche citate dal South China Morning Post e riportate oggi dal Corriere della Sera.

L’esame è altamente selettivo. Cinque ore divise tra un test scritto e un colloquio. La parte scritta consiste di 135 domande a cui bisogna rispondere in due ore, che significa meno di un minuto per risolvere ogni quiz. Bisogna essere preparati in lingua cinese, logica, matematica, politica internazionale.

Total
27
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sette giorni e tante opportunità: dal 24 maggio parte la settimana europea dedicata ai giovani

Next Article

Quando l'Università di Catania negò (per 3 anni) la laurea ad honorem a Franco Battiato

Related Posts
Leggi di più

Orientasud, torna il salone per i ragazzi del Meridione. Berriola: “Aziende non trovano giovani”

Da mercoledì 3 a venerdì 5 novembre, tre giorni di evento nel segno dei giovani. Orientamento, informazioni, opportunità di studio e scambi, colloqui, seminari e workshop per sostenere le scelte formativo-professionali dei ragazzi. Grazie alla piattaforma Natlive e al canale live streaming disponibile, il salone potrà essere seguito in diretta da tutto il Paese.