Il Placement si fa internazionale

europa.jpgPonti tra gli atenei stranieri per costruire anche l’Europa del lavoro. Ha preso il via questa mattina a Roma il secondo meeting Europlacement, che ha l’obiettivo di creare un collegamento tra gli sportelli placement delle maggiori università europee.
L’incontro si sta svolgendo al Centro Congressi Frentani e a prendere la parola per raccontare la propria realtà in tema di opportunità lavorative per i laureati saranno i rappresentanti degli atenei di Tallinn, Estonia; Vilnius, Lituania; Losanna, Svizzera; Cracovia, Polonia; Liège, Belgio; Lund, Svezia; Las Palmas de Gran Canaria.
Il progetto è stato lanciato e portato avanti da Soul (Sistema Orientamento Università Lavoro) che mette insieme le quattro università statali romane (Sapienza, Tor Vergata, Roma Tre e Università dello Sport) per affrontare il tema del lavoro.
Ad introdurre il secondo meeting questa mattina è stato il professor Carlo Magni, responsabile del back office Soul per la Sapienza: “Con questo incontro immaginiamo che si chiuderà un ciclo – ha spiegato – iniziato con il primo meeting di giugno. Dopo la fase conoscitiva e di scambio di best practices speriamo che prenda il via la fase operativa del nostro progetto di trans nazionalità, di rapporti bilaterali per vagliare le reali opportunità di collaborazione”.
Magni ha inoltre ricordato che il progetto Soul, anche nella direzione internazionale verso cui si sta dirigendo, ha trovato un partner e sponsor concreto nella Regione Lazio.
Manuel Massimo

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Normale di Pisa, bandi per assegni di ricerca

Next Article

Un aumento maldigerito

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".