Il pedagogista a scuola. Approvata la Legge in Puglia

Ped. Stefania Coti Vicepresidente nazionale APEI – 4 febbraio 2020, il Consiglio della regione Puglia, ha approvato all’unanimità “ l’Unità di Pedagogia scolastica” prevista dalla legge 31 del 2009.
Felicissima per il traguardo raggiunto, che dopo la legittimazione giuridica con la L.205/17, rappresenta un grande risultato che apre le porte ad nuovo nuovo riconoscimento professionale per i Pedagogisti della Puglia. Per Stefania Coti, vice presidente nazionale APEI (Associazione Pedagogisti ed Educatori Italiani) e presidente regionale, si tratta di una bellissima notizia!
La presenza del Pedagogista a scuola, continua, rappresenta un traguardo importante per la scuola, per le famiglie e per la società educante atteso da oltre 10 anni dalla categoria professionale dei Pedagogisti pugliesi e degli Educatori professionali socio-pedagogici. Il Pedagogista è la figura cardine per rispondere ai bisogni educativi e di crescita in sinergia attiva con il territorio. Indispensabile per la prevenzione educativa primaria e secondaria degli insuccessi, e del disagio in situazioni di disabilità e non; per contrastare fenomeni di devianza sociale e situazioni di svantaggio socio culturale, linguistico ed economico che hanno bisogno di un approccio pedagogico e di una attenzione relazionale capace di garantire un ambiente di apprendimento accogliente per ogni alunno.
Il Pedagogista scolastico, è atteso da insegnanti, alunni e famiglie. Attento alle biografie umane perché accompagna gli alunni senza classificarli, capace di mediare quella complessità che a volta appare disorientante.
La proposta di legge è stata sostenuta con forza dall’APEI che da anni lavora per raggiungere questo risultato. Determinante è stato il lavoro pregresso svolto nel territorio pugliese che ha coinvolto migliaia di persone tra alunni/e, genitori, insegnanti, dirigenti scolastici, forze politiche e sindacali regionali.
Nel 2016, grazie al contributo volontario delle socie, l’APEI ha avviato e portato a termine il progetto pilota ’Unità di Pedagogia scolastica”.
L’efficacia dei risultati raggiunti con il progetto e la proficua collaborazione con l’Assessorato regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro ha definito, per la prima volta, l’inserimento della figura del Pedagogista nel team di esperti dell’Avviso pubblico regionale “Diritti a scuola”, oggi denominato “Tutto a scuola”.
Ha fatto seguito un grande lavoro di rete, pianificazione, confronto, verifica e valutazione dei risultati raggiunti attraverso i tavoli tecnici con i pedagogisti coinvolti nel progetto.
Ci riteniamo soddisfatti dei risultati raggiunti fin qui, auspicando una celere attuazione della legge nei regolamenti regionali e l’affermazione della nostra professione in altri ambiti di intervento.
Un ringraziamento sentito al Consigliere regionale G. Bozzetti, per aver accolto la nostra istanza e proposto “l’Unità di Pedagogia scolastica” sostenendola fino all’approvazione, all’Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro S.Leo per aver voluto i Pedagogisti nell’avviso regionale “Diritti a Scuola”, alle organizzazioni sindacali che ci hanno appoggiato, ai consiglieri che hanno espresso il loro voto unanime.
orizzontescuola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, rottura tra sindacati e ministro: "Sciopero il 17 marzo"

Next Article

Milano, l'affondo del rettore della Statale: "Il Governo cancella l’università"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.