Edizione digitale, il primo master per gli archivisti del domani

Dopo il libro digitale anche l’archivio va verso la smaterializzazione. Ecco allora un corso per apprendere i trucchi di un mestiere che sta per trasformarsi. Esperienza pilota in Italia, il primo master italiano in Informatica del testo si rivolge ai futuri archivisti e bibliotecari, in grado di operare con strumenti informatici su materiale documentario, librario e testuale antico e moderno e di formulare e gestire progetti di digitalizzazione in archivi, biblioteche, case editrici.
Nato per arricchire il settore dei Beni Documentari, degli Archivi, della Filologia, dell’Editoria, il corso offre competenze sia informatiche che archivistico-editoriali e costituisce uno strumento innovativo suscettibile di molteplici impieghi e applicazioni.
Inaugurato alla fine di marzo, il primo master italiano in Informatica del testo è organizzato dalle facoltà di Lettere e Filosofia di Arezzo e di Ingegneria dell’Università di Siena, in collaborazione con l’Ecole Nationale des Chartes di Parigi e il Centre for Computing in the Humanities del King’s College di Londra con il contributo di Fondazione Montepaschi.
I destinatari del master sono esperti di applicazione dell’informatica nelle biblioteche, negli archivi, nei centri di ricerca, nelle case editrici, nelle università, negli studi di creazione di cd-rom e di strumentazioni per le esposizioni d’arte, negli enti pubblici, liberi professionisti di informatica umanistica. Il corso è utilizzabile anche come aggiornamento professionale per operatori delle case editrici e per archivisti e bibliotecari.
Ulteriori informazioni al link http://www.infotext.unisi.it/

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

2010, in 17 atenei stop assunzioni

Next Article

Consulenti commerciali su Ragusa

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.