Il Miur premia ricerca e didattica

Il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica ha definito i bonus sui risultati di ricerca e didattica degli atenei statali d’Italia.

Il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica ha definito i bonus sui risultati di ricerca e didattica degli atenei statali d’Italia. Si tratta di incentivi introdotti dal decreto Gelmini del 2008  – oggi legge – in base alla valutazione di ricerca (successo dei docenti nei progetti di ricerca di interesse nazionale, giudizi del comitato di valutazione della ricerca, successo nella raccolta di fondi internazionali, partecipazione ai progetti per giovani ricercatori) e didattica (numero di studenti attivi e crediti raggiunti su quelli previsti) ma che non salva gli atenei dalle difficoltà impresse dalla diminuzione dei fondi ordinari.

La quota incentivi ammonta a 720 milioni di euro, 200 in più rispetto al 2009, e il quadro completo con la ripartizione delle quote per ogni ateneo e le differenze rispetto a quelle dello scorso anno sono state elaborate e pubblicate lo scorso 14 gennaio sul “Sole 24 ore”. Una “classifica” che vede il Politecnico di Torino meritarsi la prima posizione grazie alla valutazione su didattica e ricerca che guadagna il 16,6% del totale del finanziamento statale. All’ateneo torinese seguono Venezia Ca’Foscari e Trento e per trovare un ateneo del Sud dobbiamo scendere al 18mo posto con l’Università di Napoli “L’Orientale”che guadagna incentivi all’11,2% del finanziamento totale con un incremento significativo rispetto all’anno precedente (26,2). Questa ripartizione conferma il dato che emerge nelle classifiche e valutazioni nazionali e internazionali  – spesso tanto discusse – che vede gli atenei del nord piazzarsi sempre nelle prime posizioni a dispetto di quelle del Mezzogiorno sempre in affanno e in coda. Occorre però dare una chiave di lettura più attenta a questa classifica. Infatti, se è vero che l’Università di Trento guadagna la terza posizione con una buona valutazione (13,9) su ricerca e didattica, come il Politecnico di Milano con una valutazione al 12%, entrambi gli atenei settentrionali incassano una cifra – riferita sempre agli incentivi –  clamorosamente  più bassa dello scorso anno e precisamente -36% per l’ateneo trentino e -20,9% per il grande polo milanese.

Seguendo questo ragionamento, molti atenei del Sud, sebbene in coda alla classifica, guadagnano cifre significative rispetto al 2009. Evidente il risultato per l’Università di Foggia che incassa più del 50% della quota 2009, come la Parthenope di Napoli (+34,4%), la Seconda Università di Napoli (+22,2%) e l’ateneo palermitano (+25%).

Ivana Berriola

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Eurispes, italiani sempre più pessimisti

Next Article

Idee giovani

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.