Il mistero del male in un monologo in versi

Debutta oggi con la prima nazionale lo spettacolo “Io, sola, ho visto”, nato da un incontro quasi fortuito, come un inevitabile destino, tra Giorgio Taffon, Lele Vezzoli e Diana Höbel. Dopo l’esordio londinese, nella rassegna ItalianTheatreSeason, sarà in scena al Teatro Vascello (Sala Piccola Nuova) di Roma dal 28 maggio al 1 giugno.
È un monologo in versi, che richiama i registri delle tragedia antica ed anche la struttura dei libretti d’opera italiani per giungere alla lezione di Giovanni Testori. Tramite questa scrittura l’autore, Giorgio Taffon, ha voluto raccontare attraverso la voce di una giovane donna, interpretata da Diana Höbel, l’esperienza e il mistero del male, i limiti delle nostre azioni e i confini incerti del nostro vivere.
Come lui stesso afferma, questo testo è un esasperato soliloquio sull’orlo di un’incurabile disperazione; una cupa rassegnazione. O forse è il racconto di un orribile sogno, di un folle incubo. O forse è solo un appello rivolto a se stessa e a chiunque altro la vorrà ascoltare, in cui le parole sembrano trasformarsi in un inno alla vita e all’amore.
Per il regista Lele Vezzoli «il dolore è un fratello che accomuna gli uomini e li accompagna per le strade della vita come un fardello racchiuso in una valigia della quale si ha necessità, per vivere, di disfare e rifare, aprire e richiudere, aprire e raccontare, chiudere e piangere. Il supplizio Tantalico che le affido è costringerla a testimoniare in eterno quello che “Lei sola ha visto”».
Per informazioni e prenotazioni per il pubblico:
Carlo Dilonardo
Tel. 392.150.51.71
E-mail: [email protected]

Si consiglia la prenotazione

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage all’ambasciata Usa per esperti del web

Next Article

Scontri alla Sapienza, tre gli arrestati

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).