Il ministro interviene: “Precariato piaga tutta italiana, intervenire subito”

precari scuola

Precari, il ministro interviene. “Sono 170 mila oggi i precari di varie tipologie, che hanno ancora bisogno di una soluzione”. Per i quali non sara’ pero’ percorsa la ”strada della stabilizzazione” come pacchetto totale. Si fara’ invece ”in modo di smaltire questa piaga tutta italiana ed avviare un reclutamento che non sia a singhiozzo e consenta a tutti i giovani che vogliono fare questo lavoro di farlo se hanno titoli e meriti”. Sono le parole del ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.

Per il ministro i 51 miliardi che il settore spende in stipendi ”sono pochi se si considerano i 270 miliardi per le pensioni. Se facciamo una proporzione con il debito sul passato. Oltre alla quantita’ – ha osservato – e’ importante avere la certezza, si e’ lavorato cercando di tamponare l’emergenza”.

Negli interventi sulla scuola, per Giannini, ”bisogna andare oltre i muri, occuparsi di chi sta dentro le classi, dalla scuola dell’infanzia all’universita”’. C’e’ un ”cambio di metodo, uscire dal clima di emergenza a cui questo ministero costringe tutti i ministri che sono chiamati a questo importante compito”. Non e’ prevista tuttavia alcuna riforma: ”non c’e’ bisogno di toccare un’architettura di norme gia’ complessa. I criteri sono due: semplificare al massimo a livello di regolamenti e poi la parola chiave e’ programmazione possibile, avere la certezza di quello che e’ sia in termini di risorse e obiettivi, almeno nel triennio”.

Sulla dispersione scolastica, il ministro distingue fra l’universita’ –  dove va migliorato l’orientamento perche’ ”spesso la facolta’ viene scelta come scommessa familiare o con scarsa conoscenza del corso di studio” – e la scuola media inferiore e superiore dove ”il problema e’ piu’ complesso e ha a che fare con la dimensione dell’educazione.

Li’ – ha precisa il ministro – bisogna lavorare non solo nelle aule ma fuori, nella societa”’ valutando ”quello che le famiglie non riescono a fare e la scuola non riesce a dare. Si tratta di un discorso molto piu’ complesso”

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Oggi è la Giornata Nazionale per la promozione della Lettura

Next Article

Scambiata per guida abusiva mentre accompagnava scolaresca alle catacombe: multa di mille euro per giovane scrittrice

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.