Il mago dei trapianti di trachea arrestato per tentata truffa

Il chirurgo Paolo Macchiarini, considerato il “mago” dei trapianti di trachea, è stato arrestato oggi a Firenze in esecuzione di un ordine di custodia ai domiciliari. La misura è scattata nell’ambito di un’indagine della procura di Firenze che ipotizzerebbe i reati di tentata truffa aggravata e tentata concussione.

Il medico è stato arrestato dalla Guardia di Finanza all’ospedale fiorentino di Careggi: per notificargli l’ordinanza di custodia le Fiamme gialle hanno atteso che il medico concludesse un intervento chirurgico. Macchiarini è legato al nosocomio fiorentino da un contratto triennale, ma ha anche un incarico all’istituto Karolinska di Stoccolma.

Al chirurgo sono contestati cinque episodi di tentata truffa aggravata e un episodio di tentata concussione. Secondo quanto si apprende, i magistrati lo accuserebbero di aver proposto ad alcuni pazienti affetti da gravi malattie di rivolgersi a strutture private dove c’erano medici di sua fiducia per sottoporsi a interventi costosi, anche di cifre superiori ai centomila euro, sostenendo falsamente che la stessa operazione nella struttura pubblica era inadeguata o avrebbe richiesto lunghi tempi di attesa.

 

CHI E’ PAOLO MACCHIARINI

Era un cervello in fuga, uno di quelli che di solito non ritornano in Italia. Ma, Paolo Macchiarini, era tornato, con  un curriculum costruito all’estero, dopo essersi laureato in Medicina e Chirurgia all’Università di Pisa. “In Italia” aveva dichiarato in un intervista del 2011 “non avrei imparato quello che volevo imparare. Per cui ho deciso di andarmene”

Infatti parte, e si specializza negli Stati Uniti, a Birmingham, in Chirurgia toracica nel 1990. Poi, torna in Europa, all’Università di Parigi Sud, dove ottiene un’altra specializzazione in Chirurgia Cardiotoracica, nel ’92. Sempre in Francia, otterrà il suo dottorato, all’Università di Francia-Comte, nel ’97.

Direttore della ricerca all’Università di Parigi Sud nel ’97, nel ’98 si trasferisce ad Hannover per dirigere il dipartimento di Chirurgia cardiotoracica fino al 2004, incarico che coprirà a Barcellona tra il 2005 e il 2009. E’ proprio in Catalogna che, nel 2008 realizza il primo trapianto al mondo di trachea, su una donna colombiana di 30 anni. Da lì, si comincia a parlare di un suo trasferimento in Italia.

Proprio nel 2009 cominciano i contatti tra Enrico Rossi, allora Assessore alla sanità della Regione Toscana, e il chiururgo che portarono alla chiamata diretta di Maccarini per il ruolo di Professore ordinario all’Università di Firenze. Un tesissimo Consiglio di facoltà, però, non ne ratificherà la nomina. Nonostante lo stop, però, Maccarini comincia a operare presso l’Azienda Ospedaliare Unviersitaria di Careggi, a Firenze.

A luglio 2010, proprio a Firenze, realizza i primi due trapianti di trachea su persone affette da tumore maligno. A fine settembre, nel policlinco del capoluogo toscano, riesce anche a trapiantare un bronco su una ragazzina di 19 anni. Nel 2011, coordina il primo trapianto di trachea al mondo al Karolinska di Stoccolma dove aveva ottenuto una docenza a contratto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti irrompono alla Federico II durante intervento della Finocchiaro

Next Article

Tattoo esagerati!

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).