Il genio? Spesso confuso a scuola con lo svogliato

David Hillman, il grande neuropsichiatra, cominciò i suoi studi osservando i bambini iperdotati, spesso confusi, nelle scuole degli Usa, con i bambini autistici, disadattati, disturbanti e che addirittura venivano curati con psicofarmaci.
I bambini difficili spesso sono i più dotati Lo scienziato riuscì invece a dimostrare che la maggior parte dei bambini dichiarati “difficili” sono, in realtà, bambini con una capacità cognitiva superiore alla media.
La noia La loro devianza dipenderebbe dalla noia, anche perché sanno già quello che l’insegnante spiega ai loro compagni.
Che fare? Il ruolo dei prof Che fare allora? Vale l’esperienza – scrive La Stampa- di un bambino prodigio di 9 anni, i cui genitori si sono rivolti agli insegnanti della scuola, i quali hanno costruito un percorso di studi speciale, dentro orari e classe normali. Sorprendente il risultato: il ragazzino studia un libro in pochi minuti, fa in una settimana i compiti di un anno, ma conduce una vita esattamente come gli altri bambini.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Malattie rare: “in Italia ancora pochi fondi per la ricerca, occorre strategia condivisa”

Next Article

I dati sulla sicurezza sismica delle scuole italiane

Related Posts
Leggi di più

Tamponi a scuola, dal Governo arriveranno 92 milioni di euro ma i presidi attaccano ancora: “Le Asl non sono in grado di tracciare i contagi in classe”

Continua lo scontro tra il Ministero dell'Istruzione e i dirigenti scolastici ormai stremati dall'enorme carico di lavoro dovuto alla gestione dei casi Covid all'interno dei loro istituti. La sottosegretaria Barbara Floridia promette procedure più snelle e nuove risorse per far fronte all'emergenza. Giannelli (Anp): "Presidi ormai allo stremo".