Il Covid non ferma la corsa dei laureati in Ingegneria: super lavoro grazie al bonus 110%

superbonus

Sembra non esserci crisi per i laureati in Ingegneria. Nonostante l’emergenza sanitaria sia in atto ormai da più di un anno, con intere categorie professionali costrette a fermare le proprie attività o a limitarne pesantemente le potenzialità, per le figure professionali di ingegneria il presente e il futuro sembra essere sempre più roseo.

A confermarlo è il monitoraggio dei bandi 2020 realizzato dalla Fondazione CNI – Consiglio Nazionale degli Ingegneri – secondo cui i bandi di gara pubblicati, solo nel campo dell’ingegneria, hanno avuto un importo totale di oltre un miliardo e 600 mila euro. Un dato destinato ad aumentare nei prossimi mesi, in previsione dei grandi investimenti che, con l’immissione sul mercato dei fondi provenienti dal Recovery Fund, potrebbero interessare i comparti delle infrastrutture e dell’impiantistica.

A pesare su questo dato soprattutto l’introduzione del Superbonus 110% che sta facendo da vero e proprio volano al settore dell’edilizia e non solo. Ad oggi gli interventi registrati con Asid (ovvero la ricevuta dell’asseverazione valida per poter avviare le pratiche dei lavori) ammontavano a oltre mezzo miliardo di euro di valore. Una cifra che con il passare dei mesi sarà sicuramente destinata a salire e che quindi porterà soprattutto agli ingegneri un super lavoro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Kardashian&Co.: le giovani di successo scalano la classifica dei miliardari di Forbes

Next Article

Notte europea della geografia, oggi la quarta edizione

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.