Il caso: “In classe con un bambino autistico? Cambiate sezione ai nostri figli”

bambino autistico

 

Napoli – In classe insieme a un bambino autistico? I genitori di sette studenti chiedono che i loro figli cambino sezione. Succede a Mugnano, in provincia di Napoli, nella scuola elementare Sequino. Secondo i richiedenti, la presenza di un ragazzo affetto da autismo avrebbe penalizzato l’apprendimento dei loro bambini.

I genitori dei giovani studenti si sono inizialmente rivolti alla dirigente scolastica dell’Istituto, Loreta Chieffo, che ha respinto la loro richiesta, salvo poi rivolgersi al direttore scolastico regionale Bouché, quando gli stessi hanno minacciato di iscrivere i loro figli in un altro Istituto.

L’autorità regionale ha spalleggiato la dottoressa Chieffo e, piuttosto che esaudire l’assurda richiesta, si è dichiarato disponibile a inviare sul territorio un maggior numero di insegnati di sostegno.

Sull’incresciosa vicenda indagherà persino il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza che ha precisato: “Vogliamo capire meglio l’accaduto, ma la soluzione non può essere cambiare sezione perché c’è in classe uno studente disabile. Questi sono episodi spiacevoli che danneggiano gli italiani e la scuola tutta”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Investimenti in ricerca, fondi ancora in calo

Next Article

Maglietta offensiva: una petizione online fa ritirare la T-shirt che ironizza sulla “Mongolia”

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.