Ikea Tomorrow People: percorsi di lavoro e formazione per laureati in ogni disciplina

Grande opportunità di lavoro e formazione per giovani laureati con Ikea: la multinazionale svedese ha aperto le selezioni per il suo Ikea Tomorrow People, un percorso formativo e lavorativo inserito nello Junior Programme, il programma di inserimento di nuove forze varato dal gigante dell’arredamento.
Ikea Tomorrow People si rivolge a giovani laureati in diverse discipline ai quali viene proposto un percorso di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro. Obiettivo dichiarato dall’azienda: formare i manager del futuro, ma anche tutte quelle figure, dall’addetto alla logistica a quello alla comunicazione, essenziali per la crescita del brand.
I giovani selezionati verranno inseriti direttamente nei reparti dei punti vendita, dove potranno acquisire esperienza sul campo e parallelamente potranno frequentare un corso di formazione tripartito in percorsi di base, specialistici e manageriali. Al termine dell’anno, ai migliori verrà offerto un ruolo come “leader2 in una delle sedi Ikea sparse per il paese.
Per partecipare è necessario aver conseguito la laurea specialistica o il master in qualsiasi indirizzo di studio; possedere un’ottima conoscenza della lingua inglese e del pacchetto informatico Office; avere i requisiti per essere veri leader (comunicatività, capacità di problem solving e di lavoro in team, etc); avere interesse e passione per il settore dell’arredamento e del design.
Numerose le sedi in cui potranno trovare impiego i candidati: Catania, Brescia, Bologna, Carugate (Milano), Torino, Padova, Roma, Villesse (Gorizia) e Pisa.
Per cogliere questa interessantissima offerta, bisogna inviare il proprio curriculum vitae entro il 7 luglio 2015 compilando l’apposito form sul sito di Ikea (sezione Lavora con noi – Ikea Tomorrow People). La multinazionale risponderà a tutte le candidature inviate entro 30 giorni.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miss Bellezza alla Sapienza, gli studenti: "Il rettore ha offeso l'intero Ateneo"

Next Article

Per la prima volta nella storia una donna rettore ad Oxford

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.