Ikea Tomorrow People: percorsi di lavoro e formazione per laureati in ogni disciplina

Grande opportunità di lavoro e formazione per giovani laureati con Ikea: la multinazionale svedese ha aperto le selezioni per il suo Ikea Tomorrow People, un percorso formativo e lavorativo inserito nello Junior Programme, il programma di inserimento di nuove forze varato dal gigante dell’arredamento.
Ikea Tomorrow People si rivolge a giovani laureati in diverse discipline ai quali viene proposto un percorso di formazione e di inserimento nel mondo del lavoro. Obiettivo dichiarato dall’azienda: formare i manager del futuro, ma anche tutte quelle figure, dall’addetto alla logistica a quello alla comunicazione, essenziali per la crescita del brand.
I giovani selezionati verranno inseriti direttamente nei reparti dei punti vendita, dove potranno acquisire esperienza sul campo e parallelamente potranno frequentare un corso di formazione tripartito in percorsi di base, specialistici e manageriali. Al termine dell’anno, ai migliori verrà offerto un ruolo come “leader2 in una delle sedi Ikea sparse per il paese.
Per partecipare è necessario aver conseguito la laurea specialistica o il master in qualsiasi indirizzo di studio; possedere un’ottima conoscenza della lingua inglese e del pacchetto informatico Office; avere i requisiti per essere veri leader (comunicatività, capacità di problem solving e di lavoro in team, etc); avere interesse e passione per il settore dell’arredamento e del design.
Numerose le sedi in cui potranno trovare impiego i candidati: Catania, Brescia, Bologna, Carugate (Milano), Torino, Padova, Roma, Villesse (Gorizia) e Pisa.
Per cogliere questa interessantissima offerta, bisogna inviare il proprio curriculum vitae entro il 7 luglio 2015 compilando l’apposito form sul sito di Ikea (sezione Lavora con noi – Ikea Tomorrow People). La multinazionale risponderà a tutte le candidature inviate entro 30 giorni.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miss Bellezza alla Sapienza, gli studenti: "Il rettore ha offeso l'intero Ateneo"

Next Article

Per la prima volta nella storia una donna rettore ad Oxford

Related Posts
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.