IKEA assume: 1.000 posti in Italia

1.000 assunzioni entro il 2019: è questo il piano promosso dal nuovo amministratore delegato di Ikea Italia, Belen Frau, La catena multinazionale svedese fondata da Ingvar Kamprad ha avviato l’apertura di due negozi a Roma e Cagliari (entro il 2016) e un centro commerciale a Roncadelle, nel bresciano. Saranno 350 le assunzioni solo quest’anno, mentre si arriverà a mille nuove assunzioni su un piano triennale.
L’Italia è diventato il terzo Paese fornitore del colosso svedese, dopo solo a Cina e Polonia. Nella giornata di ieri il nuovo amministratore delegato di Ikea Italia, Belen Frau, ha annunciato un iter di assunzioni per i prossimi tre anni: “I nostro dipendeti attuali in Italia sono 6.354 – ha spiegato -, il 90 % di loro ha un contratto a tempo indeterminato. La normativa del Jobs Act – ha aggiunto – è stata molto positiva per noi. Ma ciò che conta di più è ridurre il cuneo contributivo e fiscale sulle imprese, e qui il governo deve ancora lavorare. Per non parlare della burocrazia: ci abbiamo messo 7 anni per aprire un negozio a Pisa soltanto perché ad un certo punto è intervenuto il governatore della Toscana (Rossi) a darci una mano. Ovviamente tutto ciò si trasforma in un forte disincentivo per gli investimenti”. Nonostante questo, comunque, per il manager spagnolo, amministratore delegato di Ikea Italia dal 2015, tutto questo non fermerà il nuovo piano di investimenti per l’Italia.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università, tasse fuorilegge a Pavia: studenti risarciti per quasi 2 milioni di euro

Next Article

Olimpiadi di italiano 2016, trionfa Valentina, studentessa di un liceo classico ad Avellino

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.