I tagli, una bomba da disinnescare

decl.bmp“L’università sta attraversando un periodo difficile. I tagli previsti dalla legge Finanziaria hanno innescato una bomba a orologeria che potrebbe esplodere entro gennaio 2010”. Enrico Decleva, rettore della Statale di Milano e presidente della Conferenza dei rettori torna sull’argomento finanziamenti e lo fa con un tono ancora più accorato. “La situazione si fa difficile – ha spiegato il rettore in occasione della Festa del perdono celebrata con il Policlinico milanese -, soprattutto se non verrà modificata la legge Finanziaria che prevede, in due anni, un taglio di 730 milioni di euro e di 1,3 miliardi”. Le prospettive insomma non sono affatto buone e Decleva propone una soluzione: “Bisogna disinnescare la bomba prima di arrivare alla scadenza infausta del gennaio 2010”.

Nello specifico il Magnifico auspica “una revisione della cifra prevista per i tagli e su interventi normativi che introducano novità opportune nel sistema universitario”. E accenna anche all’impossibilità per l’università di accedere a donazioni della società civile che, “nonostante la crisi, continuano ad alimentare istituzioni attive nella ricerca scientifica attraverso le donazioni”. E infatti al Policlinico la situazione va in un’altra direzione. Dal 2005 ad oggi, infatti, nelle casse dell’ospedale meneghino sono entrati circa 10 milioni e mezzo attraverso contributi e donazioni. Di questi, spiega Carlo Tognoli, presidente della Fondazione Policlinico, “4 milioni sono pervenuti a vario titolo per la ricerca, 6,5 sottoforma di tecnologie e finanziamenti”.

E i fondi continuano ad arrivare, conferma, anche se “siamo in un periodo molto difficile sotto il profilo economico e sociale. All’inizio di quest’anno associazioni benemerite hanno indirizzato al nostro ente significativi contributi che sono per noi un grande conforto anche sul piano morale”. E in queste settimane, conclude l’ex sindaco di Milano, “ci sono state annunciate donazioni per un ulteriore milione e 500 mila euro”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L’ictus cerebrale si previene alla Sapienza

Next Article

Gelmini: risorse in cambio di riforme

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".