L’ictus cerebrale si previene alla Sapienza

5462_ictus_thumb.jpgIl 25 e il 26 marzo il prato della Sapienza di Roma sarà verde speranza. Da qui, infatti, partirà la campagna contro l’Ictus cerebrale. Una due giorni di screening e prevenzione per far conoscere ai ragazzi una malattia grave, che nel mondo occidentale rappresenta la seconda causa di morte e la prima causa di invalidità permanente.
Si tratta di un’iniziativa, giunta quest’anno alla sua seconda edizione, di Alice Giovani – la branca under 35 della Federazione ALICE Italia Onlus (Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale). “Lo scorso anno – ha ricordato Arturo Consoli , coordinatore nazionale della “giovane” ’Associazione, – sono stati monitorati più di 400 studenti ed in circa il 5% dei casi osservati sono stati riscontrati valori di glicemia o pressori alterati. Quest’anno prevediamo, e ci auguriamo – ha concluso il giovane coordinatore – di monitorarne almeno il doppio”
Una delle principali attività sarà la misurazione gratuita della pressione arteriosa e della glicemia e la distribuzione di questionari per la valutazione dei fattori di rischio.
“Un luogo comune da sfatare è che l’ictus sia una malattia dell’anziano” – sottolinea la professoressa Marialuisa Sacchetti – presidente Alice Italia Onlus. Anche i giovani possono essere a rischio di ictus soprattutto se malati di cardiopatie emboligene, ipertensione, diabete, o affetti da anomalie di tipo genetico, per non menzionare poi gli stili di vita sbagliati, come l’uso di sostanze stupefacenti ad azione eccitante sul sistema nervoso”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'immunologia rosa parla italiano

Next Article

I tagli, una bomba da disinnescare

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.