I ricercatori di Roma Tre scrivono alla Polverini: “senza fondi non si fa sviluppo”

Ritardi nelle attività di ricerca, annullamento di interi settori di studio, spreco di tempo, soldi e soprattutto denaro pubblico. Queste sono solo alcune delle conseguenze previste dai ricercatori a tempo determinato dell’Università di Roma Tre, se i fondi da destinare allo sviluppo e alla ricerca italiana non saranno adeguatamente ampliati.

“E’ verosimile ipotizzare – scrivono i ricercatori in una lettera indirizzata alla ex presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, – che l’incertezza nel futuro di queste figure professionali porterà alla sospensione di attività di didattica che vedono attualmente coinvolti i ricercatori come membri effettivi del collegio docente, andando anche ad indebolire la formazione degli studenti”.

Focalizzando l’attenzione sulla realtà laziale, infatti, c’è una grave situazione che interessa in generale i Ricercatori a Tempo Determinato di tutti gli atenei regionali. “A tale proposito – precisano – il 23 novembre 2012 è stata inviata a mezzo raccomandata una comunicazione di denuncia alla ex presidente della Regione Lazio Renata Polverini per la mancata erogazione dei fondi per la copertura dei contratti da Ricercatore a Tempo Determinato banditi nell’ambito della convenzione “Protocollo di intesa trala Regione Lazioe le Università statali del Lazio per favorire l’inserimento di giovani nelle attività di ricerca scientifica e tecnologica” sottoscritta il23 giugno 2009”.

Nella lettera, inoltre, si esprime l’urgenza di risolvere una criticità venutasi a creare a seguito della mancata erogazione dei fondi destinati ai contratti di cui in oggetto. Si sottolinea inoltre il compito chela Regione Lazioha di promuovere una politica a favore della formazione, della ricerca e del mercato del lavoro a livello territoriale e l’obbligo chela Regione Lazioha di adottare il “Programma strategico regionale per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico” come stabilisce la legge regionale 13 del4 agosto 2008.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scoperta Metelis, antica capitale del Basso Egitto

Next Article

Strage in una scuola del Connecticut: un killer ammazza 20 bambini

Related Posts
Leggi di più

Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

La docente colpita da alcuni pallini di plastica partiti da una pistola ad aria compressa ha intenzione di denunciare la comica torinese dopo le sue esternazioni in radio. "Se l'hanno colpita è anche colpa sua" aveva detto. Intanto per gli studenti protagonisti dell'episodio a scuola sono scattati i lavori socialmente utili.