Concorso Isvap: previsti 15 posti

Concorso Isvap: 15 posti per laureati in Economia e Scienze Statistiche.

L’Isvap (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private) ha bandito un concorso destinato all’assunzione di 15 laureati in Economia e Scienze Statistiche con una votazione minima di 105/110.
Posti previsti:
9 con formazione economica;
6 con formazione statistico – attuariale.
Mansioni
I neofunzionari saranno indirizzati a ruoli direttivi di diversa natura: dall’analisi dei bilanci, al valgio dei reclami.
La domanda di ammissione al concorso dovrà essere redatta su carta semplice, firmata dal candidato, pena l’esclusione, secondo il modello di cui all’allegato A del bando e dovrà essere presentata all’ISVAP – Servizio Risorse umane – Via del Quirinale, n. 21 – 00187 ROMA, entro il termine di trenta giorni dalla data di pubblicazione dell’estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale – 4a Serie
Speciale – “Concorsi ed esami”.
Si invitano gli interessati a scaricare il bando del concorso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage presso Sky

Next Article

Lavorare all'estero

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.