I figli di padri obesi a rischio diabete

I figli di padri obesi sono a piu’ alto rischio di essere in sovrappeso e di soffrire di malattie metaboliche, a causa di caratteristiche dello sperma paterno.

diabete per i figli di padri obesi

Diabete per i figli di padri obesi Scienziati dell’Universita’ di Adelaide, in Australia, hanno scoperto che dei segnali molecolari nello sperma di padri obesi possono produrre sintomi simili al diabete e obesita’ nelle due generazioni successive, anche se figli e nipoti consumano cibi sani.

E anche se il padre obeso non mostra sintomi di diabete, in due generazioni di discendenti puo’ emergere una malattia metabolica simile al diabete. E’ la prima volta che un simile legame viene individuato, scrive il ricercatore Tod Fullston, che guida il progetto, sulla rivista Spermatogenesis.

”La dieta di un padre cambia la composizione molecolare dello sperma. Nei padri obesi, i cambiamenti dello sperma, in particolare nelle molecole microRNA (micromolecole endogene di acido ribonucleico, Ndr) possono programmare l’embrione verso l’obesita’ o verso malattie metaboliche piu’ tardi nella vita”.

Il risultato e’ preoccupante se si tiene conto che l’obesita’ maschile in eta’ riproduttiva e’ quasi triplicata nei paesi avanzati negli ultimi 30 anni e coincide con un aumento generale nell’infecondita’ maschile, osserva lo studioso.

La ricerca ha usato topi di laboratorio e il prossimo passo sara’ l’avvio di sperimentazioni umane. ”Proponiamo di condurre studi umani attorno al punto focale, se gli uomini con un piu’ alto indice di massa corporea hanno un differente profilo di microRNA nello sperma. E vogliamo verificare se una dieta sana e l’esercizio possono portare a un peso normale”, aggiunge Fullston.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cina, un tunnel sotto il mare per il nuovo campus universitario

Next Article

Il lavaggio del sangue per guarire da alcune malattie

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"