House Company Edizioni ricerca redattore

House Company Edizioni, casa editrice specializzata nella cultura dell’abitare, ricerca un/una redattore/trice in stage.

House Company Edizioni, casa editrice specializzata nella cultura dell’abitare,  ricerca un/una redattore/trice in stage per la redazione di articoli inerenti alla filiera dell’abitare (economia, real estate, architettura, design, arte e living green).

La persona selezionata, curerà, in affiancamento al direttore editoriale, il progetto di internazionalizzazione del magazine entrando in contatto con le più grandi realtà editoriali mondiali.

Indispensabile un inglese fluente, lo stage ha durata di 3 mesi, è previsto un rimborso spese e a reale capacità mostrata il rapporto lavorativo avrà continuità e un compenso adeguato.

Si richiede espressamente la visione del portale www.immobilia-re.eu prima dell’invio del CV.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Opportunità nella comunicazione digitale

Next Article

Imprenditoria-università-PA uniti nella ricerca

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.