Ha una relazione con una studentessa di 17 anni: prof non potrà più insegnare

La Cassazione ha confermato la destituzione dal servizio di un docente che intraprese una relazione sentimentale con una sua alunna, all’epoca minorenne. Per i giudici ci fu “una grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa”.

Ha avuto una relazione sentimentale con una sua alunna, una studentessa minorenne, per questo adesso non potrà più insegnare: è quanto è accaduto ad un docente di una scuola superiore della provincia di Milano per il quale la Cassazione ha sancito la destituzione dal servizio.

In aula il professore ha sostenuto che era tutto vero, che la madre della studentessa 17enne era consapevole che sua figlia avesse una relazione con un lui e che la ragazza fosse pienamente consenziente e che ricambiasse i suoi sentimenti. Questa tesi, ripetuta davanti al Tribunale, poi di fronte alla Corte d’Appello e in Cassazione, è stata sempre giudicata inconsistente e smontata. Così per il docente, all’epoca in servizio in una scuola superiore della periferia di Milano, è stata infine confermata la destituzione dal servizio. Con una sanzione accessoria: non potrà avere in futuro alcun accesso al mondo della scuola, in nessuna posizione, né a qualsiasi altra forma di pubblico impiego.

La sentenza della Cassazione che conferma la destituzione è stata pubblicata lo scorso 20 ottobre e a darne notizia sono oggi Il Giorno e il Corriere della Sera. Il provvedimento disciplinare del ministero dell’Istruzione con il quale il docente era stato allontanato per sempre dall’insegnamento risale al 14 maggio del 2018. È stato il professore a fare ricorso in Tribunale contro questa decisione ma giudici hanno però spiegato e argomentato che “il disvalore delle condotte emergeva in tutta la sua gravità considerando, da un lato, il ruolo di responsabilità e la funzione educativa assegnati al docente e, dall’altro, il fatto che gli studenti a lui affidati attraversavano un’età obiettivamente critica sotto il profilo dello sviluppo della personalità e delle modalità di interazione sociale”.

La relazione con la studentessa è stata ritenuta (con la conferma dei motivi della destituzione) “una grave violazione dei doveri inerenti alla funzione educativa”.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Istruzione e Merito, con quale squadra partirà Valditara?

Next Article

Crollo ex aula magna a Cagliari, gli studenti: "Scricchiolii già parecchi giorni prima"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".