Guida alla scelta della facoltàPROFESSIONI SANITARIE

infermiere.jpgEcco i consigli dei docenti per affrontare al meglio la scelta della facoltà. Nella nostra Guida in edicola troverete inoltre: tutti i corsi di laurea, le città dove studiare, le dritte dei laureati, gli sbocchi occupazionali e la voce delle aziende.
Secondo l’Istat nel 2007 il più basso livello di disoccupazione a tre anni dalla laurea si è registrato per coloro che hanno concluso un corso triennale di formazione nelle professioni sanitarie, come ci conferma il professor Adelfio Elio Cardinale, preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell’università di Palermo.
Partiamo dai numeri. Sono realmente così ricercati i laureati in professioni sanitarie?
Anche sulla base di istituti di indagine oltre il 90% di laureati nelle professioni sanitarie trova occupazione subito dopo la laurea. Sono figure molto ricercate e carenti nel sistema sanitario italiano e molto spesso si devono assumere extra comunitari o professionisti che provengono dall’Est-europeo.
All’interno dell’area delle professioni sanitarie sono presenti diversi corsi di studi. Ci sono alcuni maggiormente spendibili a livello lavorativo?
Pur essendo tutti dei titoli immediatamente spendibili sul mercato del lavoro certamente vi sono tre tipologie di laureati molto richieste: infermieri (secondo una valutazione sottostimata mancano oggi in Italia circa 40.000 unità di laureati infermieri), tecnici di radiologia e fisiatri.
Registrate abbandoni da parte degli iscritti durante i tre anni?
Molto pochi perché gli studenti sono motivati e determinati dalle buone prospettive di lavoro.
C’è un momento in cui gli studenti trovano particolari difficoltà?
Le maggiori difficoltà arrivano al primo anno, in seguito ad una preparazione scolastica molto carente. Inutile negare che la scuola italiana non prepara questi ragazzi. Minori problemi si registrano durante il secondo anno quando alla teoria si aggiunge la pratica.
Sono previste poi bienni specialistici per ciascun corso di laurea?
Stiamo per dare vita ad alcuni bienni specialistici per tre tipologie di laurea, mentre sono già attivi alcuni master per i laureati delle professioni sanitarie. La finalità è quella di migliorare le conoscenze pratiche e teoriche, ai fini di ottimizzare la qualità del lavoro.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borsa in medicina molecolare

Next Article

Guida alla scelta della facoltàPSICOLOGIA

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.