Guardo il mio programma e poi comincio a studiare

Dopo 20 anni è tornato il Karaoke, il programma che ha lanciato Fiorello e portato la musica nelle piazze italiane. Era il 1994, e fu subito uno dei cult dell’epoca. Ogni studente ha avuto i suoi, quelli che lo hanno accompagnato nel percorso di studi, quello che serviva, o serve, a dire “prima mi guardo…e poi ricomincio a studiare”. I programmi del pomeriggio, o gli show serali per chi predilige la notte: ecco una nostra selezioni di cult “spezza-studio”, in ordine cronologico, prima che arrivassero l’ondata di reality, serie tv e web a cambiare programmazione e abitudini.
Bim Bum Bam, 1982. Vent’anni di messa in onda, per il padre dei contenitori per bambini. cartoni animati storici, da Holly e Benji a Mila e Shiro, il primo Bonolis davanti alla telecamera.
22yu85
La Ruota della Fortuna, 1989. Mike Bongiorno ci insegnò a comprare una vocale, e a conoscere il futuro premier Renzi, tra i concorrenti del gioco.
bongiorno-ruota-fortuna-324
Mai Dire Gol, 1990. La Gialappa’s Band stravolge il modo di parlare di calcio, inventa un linguaggio televisivo e lancia, o rilancia, decine di personaggi indimenticabili, dal Caccamo di Teocoli, al Frengo di Albanese.
mai_dire_gol_gialappas_band_004_jpg_cjhp
Non è la Rai, 1991. Ambra e le altre dominavano il pomeriggio televisivo, fra canzoni e balli scatenati, e la furba regia di Gianni Boncompagni.
non-e-la-rai2
Willy, Il Principe di Bel Air, 1992. Will Smith si lancia con questa sit com fatta di comicità e buoni sentimenti, tutta rhythm and blues.
Willy_Principe_di_Bel_Air
Sarabanda, 1997. Ritmo sincopato, ascolti brevi e risposte veloci nel quiz musicale di Enrico Papi, che creò alcuni personaggi mitologici e imbattibili come l’Uomo Gatto.
4-tutti-i-campioni-di-sarabanda-che-ci-sono-rimasti-nel-cuore
Pippo Chennedy Show, 1997. Balla una stagione sola il varietà comico dominato dalla presenza di Corrado Guzzanti e dalle sue imitazioni. Ma resta nell’immaginario per il potente racconto di una fase politica che si prestò molto alla satira.
107880_386573433_pippo_serena_H135753_L
Il Grande Fratello, 2000. Doveva essere un esperimento, la rivoluzionme, la nuova tv. Daria Bignardi ci prova, ma il gusto voyeristico travolge tutto. Il povero Taricone diventa una star facendo sesso con Cristina Plevani davanti all’occhio delle telecamere. Il racconto, piaccia o non piaccia, appassiona e resta ancora oggi in vita.
GRANDE FRATELLO, ANNIVERSARIO TRISTE SENZA PIETRO TARICONE/ SPECIALE 8
I Soliti Idioti, 2009. La coppia Biggio-Mandelli rinnova la tradizione del duo italiano politicamente scorretto, con parolacce e gag senza pietà. I giovani impazziscono.
soliti-idioti-biggio-mandelli
Crozza nel Paese delle Meraviglie, 2011. Maurizio Crozza dà una nuova scossa alla satira, con imitazioni già indimenticabili e un one mane show che non stanca mai.
crozza-nel-paese-delle-meraviglie
E adesso, dicci quali sono i tuoi programmi spezza studio preferiti.
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#labuonascuola arriva alla Camera: ecco il testo del ddl

Next Article

La rassegna stampa di martedì 31 marzo

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".