Google e Unioncamere: 92 borse di studio da 9 mila euro per diplomati e laureati

Borse di studio del valore di 9.000 euro ciascuna destinate a giovani diplomati, laureati o laureandi con buone conoscenze informatiche, dei social network e del mondo del web: questa l’opportunità messa a disposizione da Unioncamere e Google con il progetto Made in Italy – Eccellenze in digitale 2015.
Sono 92 le borse di studio in palio; l’obiettivo è quello di inserire i giovani in piccole e medie imprese operanti nel settore dell’ICT, aiutare i ragazzi e le ragazze a inserirsi nel mondo del lavoro e contemporaneamente offrire alle pmi risorse valide per implementare il loro sviluppo digitale.
Possono partecipare al bando i maggiorenni con cittadinanza italiana che abbiano conseguito una laurea in qualsiasi indirizzo con votazione non inferiore a 95/100 o che abbiano un diploma accademico di i o II livello o un titolo straniero equipollente, oppure gli iscritti a un qualsiasi corso di laurea che abbiano conseguito un minimo di crediti universitari (CFU) (nello specifico: 121 CFU per le lauree triennali; 81 CFU per i corsi di laurea specialista/magistrale; 201 CFU per i corsi di laurea a ciclo unico).
Per le sole camere di commercio di Bari, Biella, Campobasso, Catanzaro, Cosenza, Cuneo, Fermo, Foggia, Genova, Latina, Lecce, Monza e Brianza, Novara, Pavia, Pesaro e Urbino, Piacenza, Potenza, Prato, Reggio Emilia, Sassari, Savona, Sondrio, Taranto, Torino, Trento, Verbanio Cusio Ossola, Verona e Viterbo possono partecipare alle selezioni anche i giovani in possesso di un diploma di maturità di un istituto tecnico o professionale conseguito con  il voto minimo di 70/100.
In ogni caso è richiesta la conoscenza avanzata della lingua inglese, il possesso di competenze informatiche di base, esperienza nell’uso di internet e dei social network, conoscenze in ambito di web marketing, dell’utilizzo di piattaforme e-commerce, della creazione di siti internet e del posizionamento sui motori di ricerca e infine l’approfondita conoscenza approfondita del contesto economico-sociale del territorio di riferimento.
Ai selezionati verrà richiesto un impegno minimo di 37 settimane ripartite nel periodo tra giugno 2015 e aprile 2016. Ogni borsista svilupperà un piano di lavoro individuale concordato con la camera di commercio di riferimento.
Queste le camere di commercio che hanno aderito all’iniziativa: Alessandria, Ancona, Ascoli Piceno, Avellino, Bari, Biella, Campobasso, Caserta, Catania, Catanzaro, Cosenza, Cuneo, Fermo, Firenze, Foggia, Frosinone, Genova, La Spezia, Latina, Lecce, Lucca, Macerata, Monza E Brianza, Novara, Nuoro, Padova, Pavia, Pesaro E Urbino, Piacenza, Potenza, Prato, Ragusa, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Roma, Sassari, Savona, Sondrio, Taranto, Terni, Torino, Trento, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Verona, Viterbo.
La scadenza per partecipare alle borse di studio Unioncamere Google 2015 è fissata al 30 aprile entro le ore 12. maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione le potete trovare sul bando Made in Italy – Eccellenze in digitale 2015 oppure sul sito del progetto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Renzi provoca i sindacati: "Mi fa ridere che si scioperi contro un Governo che assume"

Next Article

La personalità di una ragazza in base al corso di laurea che frequenta

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.