Gioventù Ribelle, il Risorgimento videoludico italiano

Gioventù ribelle è il programma del ministero della Gioventù dedicato alle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e della generazione che allora si fece promotrice del sogno di unità nazionale. Oggi il progetto si concretizza nella realizzazione di un videogames, che permetterà ai giovani di immedesimarsi nei ragazzi e nelle ragazze che fecero l’Italia imparando le tappe storiche che condussero all’unità del Paese.

httpv://www.youtube.com/watch?v=7FEB5vtDfhM

Gioventù ribelle è il programma del ministero della Gioventù dedicato alle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia e della generazione che allora si fece promotrice del sogno di unità nazionale. Oggi il progetto si concretizza nella realizzazione di un videogames, che permetterà ai giovani di immedesimarsi nei ragazzi e nelle ragazze che fecero l’Italia imparando le tappe storiche che condussero all’unità del Paese.

Il videogame “Gioventù ribelle”. Il videogames fa parte della più ampia iniziativa del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni, promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un’opera multimediale interattiva per celebrare, da una parte, l’eroismo e l’amor di patria di giovani coraggiosi, e dall’altra, per parlare ai giovani d’oggi attraverso il loro linguaggio.

L’ambientazione. Gli ambienti e i personaggi del videogame sono ricostruzioni storicamente fedeli dei luoghi e dei protagonisti del Risorgimento italiano, realizzate partendo da foto e documenti originali dell’epoca, con la consulenza di Marco Pizzo, vicedirettore del Museo Centrale del Risorgimento italiano: la Repubblica Romana del 1849, l’assedio di Gaeta del 1862, la presa di Roma del 1870 saranno i tre scenari nei quali il giocatore si muoverà vestendo i panni di un misterioso eroe del Risorgimento a cavallo tra storia e leggenda.

Le finalità del progetto. Uno strumento ludico e formativo nello stesso tempo che permetterà ai giovani di imparare le tappe storiche che condussero all’unità del Paese e di conoscere in maniera divertente gli eroi della nostra storia nazionale. “La ricorrenza per i 150 anni dell’Unità d’Italia – ha sottolineato il ministro della Gioventù Giorgia Meloni – non deve essere una mera celebrazione ma lo spunto per interrogarci su chi siamo”. “La Nazione – ha posi specificato – non è un dato di razza ma una scelta, il sacrificio di chi si è speso in passato senza scaricare i costi delle scelte su chi viene dopo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fondi Europei:115 milioni per tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Next Article

Regione Campania: quasi 2 milioni per Work Experience

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".