Fondi Europei:115 milioni per tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Fondi Europei: 115 milioni di euro per stimolare la competitività e l’innovazione attraverso la più ampia adozione e il miglior uso delle TIC

Presso la Camera di Commercio di Napoli è stato presentato il V bando europeo ICT Policy Support, strumento istituito nell’ambito del programma Quadro per stimolare la competitività e l’innovazione attraverso la più ampia adozione e il miglior uso delle tecnologie dell’Informazione e della comunicazione (TIC) da parte dei cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni aperto fino alle ore 5,00 del 1 giugno 2011.

Centoquindici milioni di euro è l’importo della call 5 e questi i temi:

– TIC per un’economia a basse emissioni e mobilità intelligente
– contenuti digitali
– ICT per la salute, invecchiare bene e l’inclusione
– ICT per il governo innovative e servizi pubblici
– innovazione aperta per i futuri servizi di internet-enabled

Luigi Iavarone, Presidente Technapoli, ha aperto i lavori affrontando da subito due considerazioni: l’Italia, e in particolare il Sud, deve migliorare la partecipazione ai fondi europei e imparare a lavorare in rete. “Per molti è più facile rivolgersi allo sportello vicino, piuttosto che guardare all’esterno – ha infatti affermato Iavarone – dobbiamo superare questo handicap. Abbiamo le infrastrutture, il sostegno dell’ufficio di Bruxelles e non ci mancano le qualità. Dobbiamo imparare a lavorare in rete creando un network campano per le varie tematiche”. Il Presidente di Technapoli ha chiuso così il suo intervento con tre parole d’ordine: qualità, network e lobbing campana a Bruxelles.

D’accordo naturalmente sulla forza della rete, l’Assessore alla Ricerca Scientifica della Regione Campania, Guido Trombetti che ha affermato: “Nessuno ce la fa se resta solo, nessuno ce la fa se resta fermo. Questo è un discorso che facciamo tutti i giorni tra gli atenei della Campania. Dobbiamo mettere da parte il malinteso della competizione, adottare strategie condivise e fare sistema”. L’Assessore è passato poi ad un chiarimento importante: “I fondi europei sono risorse aggiuntive non sostitutive dei fondi ordinari in qualunque ambito”. E, riprendendo l’esempio del mondo dell’università, l’ex Rettore ha affermato: “I fondi europei non rimangono per sempre, rappresentano un investimento per far crescere il territorio e un’occasione per fare un salto in avanti, se sostituissero la spesa corrente sarebbe un disastro!”.

A chiudere la giornata informativa, dopo gli interventi dedicati agli aspetti tecnici del bando europeo, il prof. Giuseppe Zollo, Presidente della ormai ex Città della Scienza e nuova Agenzia Regionale per la Ricerca e l’Innovazione: “La neo-nata Agenzia ha l’obiettivo di incentivare la partecipazione delle imprese a questi progetti per sviluppare competenze professionali e relazionali all’interno del sistema-Europa. Dobbiamo approfittare di queste occasioni con ogni sforzo per fare un salto di qualità per una Regione in prospettiva competitiva”.

Ivana Berriola   

Per tutte le informazioni sul bando:
phone: +3222968596
[email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sacconi, nell’università meno sedi e più ricerca

Next Article

Gioventù Ribelle, il Risorgimento videoludico italiano

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.