Regione Campania: quasi 2 milioni per Work Experience

Work Experience presso gli uffici giudiziari della regione Campania.

Con il decreto dirigenziale n. 11 la Regione Campania ha approvato la realizzazione di Work Experience presso i propri uffici giudiziari destinate per un 30% a giovani laureandi, e per il restante 70%, a laureati in possesso di diploma di laurea triennale ovvero magistrale, inoccupati o in stato di disoccupazione da almeno sei mesi alla data di presentazione della domanda.

La cifra complessiva disponibile per questo intervento è di € 1.890.000,00 del POR FSE Campania 2007-2013 e ciascuna work-experience prevede un costo di € 4.200,00 così ripartito:
€ 500 mensili per la borsa formativa per la durata di 6 mesi;
– € 1.200,00 per il rimborso alle attività di sistema destinate al soggetto attuatore per ciascun allievo.

Le “work experience” non rappresentano un rapporto di lavoro ma, attraverso un approccio di carattere formativo, un’opportunità per un contatto diretto con una realtà lavorativa.

Le attività previste, con un orario giornaliero a tempo parziale, sono così costituite:

1. Modulo di orientamento di 20 h;
2. Esperienza lavorativa in presso struttura ospitante;
3. Accompagnamento tutoriale e formativo
4. Attivazione di moduli integrativi (anche FAD)
5. Verifica finale dei risultati conseguiti
6. Certificazione competenze acquisite.

Le candidature per la realizzazione dei progetti devono essere presentate e sottoscritte dall’ Università o dai Dipartimenti universitari, in qualità di Soggetto Proponente ed attuatore del progetto e dall’Ufficio Giudiziario in qualità di soggetto ospitante ed inviate entro le ore 13.00 del 28 aprile.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gioventù Ribelle, il Risorgimento videoludico italiano

Next Article

Nucleare, in Italia nessun pericolo radioattività

Related Posts
Strage ustica revisionismo a scuola
Leggi di più

Strage di Ustica, il revisionismo sbarca a scuola

Il Ministero dell'Istruzione ha accreditato l'associazione dell'ex ministro Giovanrdi che sostiene la tesi della bomba a bordo del volo che il 27 giugno 1980 provocò la morte di 81 persone.