Giovani traduttori: la sfida europea ai ragazzi che amano le lingue straniere

giovani traduttori

Giovani traduttori – Parte la settima edizione del contest “Iuvenes Trnslatores”, aperto ai nati nel 1996. Le scuole potranno proporre cinque dei loro migliori studenti per una prova di traduzione che si terrà il 28 novembre

 

Hai un talento per le lingue straniere? Sei bravo a tradurre e vorresti confrontarti con altri ragazzi della tua età? La Commissione Europea ha il contest che fa per te. Sono aperte le iscrizioni a “Giovani traduttori”, il concorso rivolto ai ragazzi nati nel 1996 e residenti in uno dei 28 paesi della UE.

Obiettivo dell’iniziativa, giunta alla settimana edizione, è offrire ai giovani che hanno la passione della traduzione un’opportunità per mettersi in mostra e cominciare a prendere contatto con le tante possibilità offerte dall’Europa unita a chi conosce le lingue.

Le scuole che desiderano partecipare devono proporre la loro candidatura entro il 20 ottobre, registrandosi a questo sito. Terminate le candidature, verranno selezionate con un sorteggio le 763 scuole europee che parteciperanno al concorso; di queste 73 saranno italiane e potranno proporre ognuna cinque dei loro studenti per partecipare alla gara. I ragazzi dovranno sostenere una prova di traduzione che si terrà in tutta Europa il 28 Novembre.

Dal momento che il 2013 è stato dichiarato l’anno europeo dei cittadini, i giovani traduttori si troveranno a confronto con un brano riguardante questa tematica.

La premiazione del concorso “Iuvenes Translatores – Giovani Traduttori” avverrà l’8 aprile a Bruxelles.

Per maggiori informazioni e per gli aggiornamenti potete seguire la pagina Facebook o il profilo Twitter del contest.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Test d'ingresso, primo giorno tra le polemiche: "Un sistema perverso e iniquo"

Next Article

Non c'è futuro senza ricerca: il 19 settembre manifestazione in piazza a Roma

Related Posts
Leggi di più

Finge di avere due lauree: professoressa dovrà restituire 20 anni di stipendi

Un'insegnante di sostegno che ha prestato servizio in diverse scuole della Brianza è stata condannata al risarcimento di 314mila euro per aver falsificato, dal 2000, i certificati di laurea in pedagogia e psicologia. Il caso è scoppiato dopo che la donna aveva denunciato la preside di uno degli istituti nel quale lavorava per mobbing.