Giovani Medici Day: “In Inghilterra, se non avremo un nuovo concorso”

DSC_0028DSC_0037

Determinati a cambiare il Paese e a riscoprire l’orgoglio della professione. Sono i giovani medici che hanno manifestato oggi in piazza Montecitorio per chiedere prima di ogni altra cosa una riforma immediata del concorso di accesso alle scuole di specializzazione.

Trasparenza e meritocrazia devono sostituire un sistema giudicato “atto a favorire il clientelismo”.

“Voglio fare la pediatra e già so che dovrò aspettare almeno due anni perché prima di me entreranno altre persone soltanto perché sono figli e parenti di… Voglio questa riforma perché finalmente ci vuole un sistema meritocratico”,  hanno detto. “Io ho deciso di non tentare e di andare all’estero, dove si spera che il sistema sia diverso”, ha raccontato un giovane laureato alle telecamere di Corriereuniv.it

Il ministro dell’Istruzione, della Ricerca e dell’Università, Maria Chiara Carrozza, ha risposto alle loro richieste e ha dichiarato:

“Ho ascoltato le istanze dei giovani medici, apprezzando anche lo sforzo di condivisione testimoniato dall’ampia raccolta di firme a sostegno della protesta” – ha dichiarato il Ministro al termine dell’incontro. “Condivido le motivazioni che li spingono a chiedere che la riforma del concorso vada a compimento e garantisco il mio impegno in questo senso, anche per rendere trasparenti i vari passi che saranno necessari. Conosco inoltre il problema della copertura delle borse di specializzazione e su questo punto lavorerò con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin perché si arrivi finalmente ad una programmazione pluriennale che garantisca un’adeguata copertura”.

 

 

GUARDA IL VIDEO CON LE INTERVISTE


AZ

 

 

 

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Guida alla maturità 2013. Esperti a scuola per distribuirla

Next Article

Maturità: Polizia postale contro i siti che pubblicano le risposte

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"