Giovani, il lavoro è nelle officine europee

“Lavorare insieme per l’occupazione dei giovani”: il Progetto italo-tedesco per favorire l’inclusione dinamica dei giovani nel mondo del lavoro. Apprendistato e Mobilità le parole chiave dell’accordo firmato a Napoli tra i Ministeri del Lavoro e dell’Istruzione italiani e il Ministero federale del lavoro e dell’educazione e ricerca tedeschi.

Le foto del Corriere dell’Università Job

Apprendistato. E’ su quest’azione formativa che il governo italiano intende fare leva per favorire l’occupazione giovanile. E lo fa siglando un patto con la Germania, Paese che dieci anni fa veniva considerato il malato d’Europa per i suoi alti tassi di disoccupazione e che attraverso il sistema duale ha intrapreso un percorso virtuoso.

E’quindi sul valore dell’esempio, del buon esempio, che l’Italia intende risalire la china e non soltanto perché lo chiede, fortemente, l’Europa.

Il memorandum d’intesa è stato siglato ieri tra i Ministeri del lavoro e dell’istruzione italiani e il Ministero federale del lavoro e dell’educazione e ricerca tedeschi. Per lanciare il progetto è stata scelta la città di Napoli, luogo simbolo per alti tassi di disoccupazione che superano il 35% e abbandono scolastico.

Le proteste in città, come prevedibile e preannunciato, sono state accese e non sono mancati gli scontri tra studenti, precari e forze dell’ordine. “Capisco le proteste e me ne dispiaccio –  ha commentato il Ministro Fornero – ma io ho cercato il dialogo”. E a protestare, con la sua assenza, è anche il Sindaco di Napoli che in una nota scrive “ho deciso di non esserci perché sul tema del lavoro, a Napoli, non è stato compiuto nulla da parte di chi ha responsabilità di governo. Anzi la città, anche recentemente, è stata lasciata sola”.

“Quando l’avevo invitato non aveva risposto così. Poteva essere l’occasione per dimostrare che qualcosa stiamo facendo, pazienza!” la risposta del Ministro.

Lavorare insieme dunque è il motto dei due Governi che uniscono le forze per avviare un processo di inclusione dinamica dei giovani nel mercato del lavoro. “L’apprendistato, che è poi un vero patto tra generazioni, dovrà diventare la normale porta d’accesso al lavoro” annuncia il Ministro Fornero.

“Dieci anni fa – spiega Ursula von der Leyen, Ministro federale del lavoro e degli affari sociali tedesco –la Germania aveva una disoccupazione di massa, quella giovanile era il doppio di quella di oggi. Ci sono state riforme dolorose, c’è stato bisogno di tempo per questo ho grande rispetto per il processo che sta avviando il Governo italiano”. E rivolgendosi al Ministro italiano: “Elsa, non farti deviare dalla tua strada, le riforme sono lunghe”.

Il progetto, triennale, prevede che un nutrito numero di giovani italiani andranno in Germania e l’Italia accoglierà quelli tedeschi, sulle tracce dei progetti Leonardo ed Eures. Scambi che infatti verranno intensificati perché i giovani possano realmente diventare messaggeri d’Europa.

Il Governo tedesco ha già stanziato 140 milioni di euro per abbattere la barriera linguistica, che è l’unico e vero ostacolo che rende i giovani di oggi ancora poco competitivi. L’obiettivo è utilizzare congiuntamente i fondi europei per la formazione. Il prossimo passo sarà l’agenda comune con scadenze e collaborazioni tra scuole e aziende.

Parola d’ordine: cooperazione.

Ivana Berriola

Il video del Corriere dell’Università Job
Le foto del Corriere dell’Università Job
Nel sistema duale tedesco le Regioni governano l’Istruzione
Minaccia di togliersi la vita davanti la Fornero

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

DIRETTA da NAPOLI. Occupazione, Profumo ai giovani: visitate le fabbriche

Next Article

Il paradosso del freno-assunzioni negli Atenei

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"