Giovani e estero, parte lo Yif. Il Ministro Giovannini apre la kermesse dedicata all’internazionalizzazione

Giovani

Dall’8 al 10 Ottobre alla Pelanda a Roma, la quinta edizione dello Young International Forum, una tre giorni durante la quale saranno prospettate ai giovani tutte le possibilità di studio e carriera all’estero. L’iniziativa alla quale partecipano decine di ambasciate, associazioni giovanili e il Ministero del Lavoro,  per invertire una tendenza che trova conferma in un sondaggio appena realizzato da Corriereuniv e Italia Orienta: il 55% dei giovani italiani lascerebbe l’Italia solo per necessità e non per ambizione

ROMA –  Al taglio del nastro la quinta edizione dello Young International Forum, una tre giorni dedicata ai giovani che vogliano costruire all’estero la propria carriera di studio e/o lavoro. Ospite della prima giornata dello Yif sarà il Ministro del lavoro Enrico Giovannini.

L’evento nasce dalla necessità di avvicinare i giovani all’Estero e invertire una tendenza oramai nota: i ragazzi italiani sono pronti a lasciare l’Italia ma solo per necessità come conferma un sondaggio lanciato dal sito corriereuniv.it, ed al quale hanno risposto 500 studenti tra i 20 e i 35.

Il sondaggio. Alla domanda “Andresti a studiare all’estero?” circa il 91% dei ragazzi ha risposto sì, mentre il 5% si è dimostrato incerto e il 4% ha risposto  “no”. In realtà però ben il 55% di questi lo farebbe solo per motivi di necessità, seguiti poi da un 35% che sarebbe invece spinto dalla curiosità di visitare un nuovo Paese. A bloccare i giovani italiani sarebbe principalmente la paura di uscire fuori dall’Italia, mentre solo il 12% rinuncerebbe ad andare all’estero per pigrizia. In questo caso, invece, un 31% ha dichiarato di non saper rispondere alla domanda.

L’Italia non favorisce gli scambi. I ragazzi si sono dimostrati critici nei confronti delle politiche di internazionalizzazione del proprio Paese. Per il 71% degli intervistati, infatti, l’Italia non favorirebbe gli scambi culturali con gli altri paesi, contro un 17% che invece si è detto convinto del contrario. Gli altri (il 12%) hanno risposto di non saper decidere.

Lo Yif. Ad accogliere i ragazzi anche 16 ambasciate straniere e decine di  associazioni giovanili che operano a sostegno della mobilità studentesca che illustreranno ai giovani inoccupati nuovi percorsi di studio e di lavoro anche fuori dall’Italia.

ASSOCIAZIONI 3

Allo YIF saranno presentate centinaia di offerte di studio e lavoro da oltre 20 Paesi di tutto il mondo – ha spiegato il presidente di Italia Orienta, Mariano Berriolaabbiamo voluto creare uno spazio “open” dove far incontrare le competenze, le aspettative e le prospettive di chi partecipa. L’auspicio  è che anche quest’anno lo Yif trasmetta ai giovani il concetto che l’estero è quasi sempre un luogo nel quale crescere e arricchirsi di nuove esperienze, non uno spazio nel quale rifugiarsi dalle delusioni o difficoltà che si vivono nel proprio Paese. Allo Yif – ha concluso il Presidente –  distribuiamo ai ragazzi gli strumenti necessari per costruirsi una brillante carriera”.

Lo YIF è un progetto di Italia Orienta, partner Formez PA, in collaborazione con Roma Capitale e La Pelanda. Media partner il Corriere dell’Università Job. La tre giorni si terrà dall’ 8 al 10 ottobre a Roma a “La Pelanda, Centro di Produzione Culturale” dalle ore 9.00 alle 13.30.

Il programma integrale dell’evento è disponibile Qui

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola di giornalismo: 10 borse di studio da 5.000 euro a Napoli

Next Article

Parte lo Yif 2013: grande affluenza di giovani e opportunità di lavoro da tutto il mondo. Berriola: "Ripartiamo dai ragazzi"

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.